I commercianti di Bagnoli: “Il pontile deve riaprire, dateci la gestione”

Dopo il fallimento di Bagnoli Futura il pontile di Bagnoli è stato chiuso qualche settimana fa. Ora i commercianti ne chiedono la gestione

Il pontile di Bagnoli chiude i battenti tre settimane fa quando “Bagnoli Futura” è stata messa in liquidazione. Una grande perdita per il quartiere Bagnoli: infatti il pontile Nord panoramico, aperto nel 2005 e inserito tra i siti del “Maggio dei monumenti” di Napoli, ha fatto registrare circa 110mila presenze ogni anno.

La richiesta del Centro Commerciale Natuale di Bagnoli: dateci la gestione del pontile

Per questo l’associazione di commercianti CCN di Bagnoli ha chiesto in gestione il pontile, simbolo della rinascita turistica di Bagnoli, che ora, soprattutto con l’avvicinarsi della bella stagione, rappresenta ancor di più un volano importante per l’economia del quartiere. Il presidente del Centro Commerciale Naturale, Umberto Frenna, ha firmato una richiesta per la gestione che è stata inviata al Sindaco, all’Assessore del Lavoro, all’Autorità Portuale (proprietaria della struttura), alla Municipalità e al Presidente di Bagnoli Futura.

Lo scopo è riportare i cittadini a passeggiare gratuitamente sul pontile

Ogni giorno tanti cittadini passeggiavano, o erano soliti correre sul pontile, lungo 900 metri. Ogni estate turisti e napoletani trascorrevano ore rilassandosi tra il profumo del mare e il fruscio del vento. Il presidente del CCN vorrebbe che tutto questo non resti solo un caro ricordo legato al passato, ma che torni ad essere realtà. Purtroppo però, il comune non ha risposto neppure alla richiesta di Bagnoli Futura di fare da garante per le spese di vigilanza, manutenzione e utenze; è per questo motivo che il CCN afferma di voler occuparsi di tutti i servizi, sia di gestione che di sicurezza.