higuain

Higuain: “Non ho esultato contro il Napoli per rispetto. Alla Juve c’è fame di vincere”

Gonzalo Higuain torna a parlare del Napoli e del suo momento alla Juventus, respingendo le tante critiche ricevute: “Mi hanno massacrato”

“Da fuori dici sono forti, hanno fatto 25 vittorie di fila, eccetera. Poi arrivi qui e dici: cazzo”. Parola di Gonzalo Higuain intervistato dal Corriere della Sera. “Ci sono giocatori che hanno vinto tanto eppure ancora hanno questa fame di vincere ancora. È una cosa che ti contagia e ti dà la voglia di migliorare ancora. Vedere Buffon o Barzagli dare tutto per il calcio fa la differenza: è questa la mentalità che ti porta lontano”.

 

Higuain: “Voglio vincere tanti trofei con la Juventus. Non dimentico Napoli”

Il sogno è quello di “vincere tanti trofei con la Juventus, per la fiducia che ha avuto in me: voglio ricambiare con tanti gol e vittorie. Come persona vorrei formare una famiglia, trovare la moglie giusta. E diventare ogni giorno una persona migliore. Quando lascerò il calcio vorrei essere ricordato per quello che ho fatto”. Il gol per un attaccante è tutto ma quando non arriva, (“Van Nistelrooy disse che sono come il ketchup, quando arrivano escono tutti insieme”), “bisogna aiutare la squadra a vincere. Il gol può farlo anche il difensore, mentre l’attaccante può salvare un tiro avversario sulla linea”. Il primo gol con la Juve dopo “un’estate dura. Mi hanno massacrato. Hanno detto che stavo male e tante altre cose. Poi sono entrato, ho segnato e per tutti ero in grande forma, questo a volte non lo capisco proprio”.

Il rapporto con Napoli? “Mi hanno dato tanto, giusto non esultare. Sono un uomo che non dimentica ciò che ha fatto e quello che ha ricevuto. Poi l’ho fatto alla fine”. Per la Champions “bisogna migliorare “scendere in campo sempre con l’atteggiamento giusto. Al contrario di quello che abbiamo fatto col Genoa. Una squadra come la Juve non può prendere tre gol in mezzora”.