Dopo "Bevi Napoli e poi muori”, "All'anema 'e che te bbiv", la risposta di Road Tv Italia all'inchiesta dell'Espresso sull'acqua pubblica napoletana.

Gli americani fanno dietro front: l’acqua di Napoli non è avvelenata

Gli americani cambiano posizione: l’acqua di Napoli è potabile

di Redazione

Napoli – La US Navy fa marcia indietro. Dopo la scottante inchiesta pubblicata da “L’Espresso” con il titolone “Bevi Napoli e poi muori” che tanto ha fatto infuriare il sindaco De Magistris e i napoletani, gli americani fanno dietro front: l’acqua di Napoli è potabile, garantiscono. La notizia giunge a margine di un incontro avvenuto tra il sindaco di Napoli e il comandante della Us Naval Support Activity di Gricignano d’Aversa Scott Gray.

Secondo fonti di Palazzo San Giacomo tra le due parti si sarebbe finalmente registrato un totale accordo sulla salubrità della nostra acqua pubblica che, come sottolineato anche dai cittadini napoletani che da sempre ne fanno uso, non è inquinata, nè contaminata, nè avvelenata. Insomma, i nostri rubinetti sono sicuri – come garantiva lo stesso sindaco De Magistris ai microfoni di Road tv Italia – ed ora che gli americani si sono tirati indietro, toccherà a “L’Espresso” rispondere per la diffamazione alla città.

26 novembre 2013

1 thought on “Gli americani fanno dietro front: l’acqua di Napoli non è avvelenata

  1. sarà…….. però nelle basi americane l’acqua degli acquedottti campani non viene utilizzata…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *