Giugliano fa “piazza pulita”

CITTADINI RECUPERANO UNA PIAZZA DAI RIFIUTI E DAL DEGRADO

di Eliana Iuorio

GIUGLIANO  – Appuntamento in piazza Matteotti, un sabato mattina, nella Giugliano crocevia di incontri tra culture, storie, persone. Un gruppo di cittadini insieme a Domenico Di Gennaro (promotore dell’iniziativa), armati di passione civile e smacchiatori, ha lavorato alacremente per ripulire dai graffiti e dai rifiuti, una delle piazze più belle e storiche del centro.
“La vera vittoria di questa iniziativa è nel vedere tanti ragazzi, quelli che molti definiscono approssimativamente di strada, offrire il proprio contributo, che stanno comprendendo, ramazza alla mano, l’importanza di mantenere puliti gli spazi pubblici” –  ci dice Giovanni Russo, consigliere comunale, tra i presenti  alla manifestazione –
Un territorio devastato dalle ecomafie, che vive attraverso la voce di chi si informa e non tace, un periodo di profonda rinascita civile.
“Non dobbiamo continuare a mortificare la nostra dignità, nell’abbassare la testa e far finta che tutto sia normale; non c’è giorno che non ci saluti con uno o più roghi di rifiuti tossici, nella periferia della città; spetta a noi tutti diventare protagonisti di un rinnovamento sociale che passi necessariamente dalle azioni di cittadinanza attiva: come accade da tempo, a Napoli, con il coordinamento Cleanap. La città è nostra” – interviene Silvana Russo, scrittrice giuglianese, tra i partecipanti alla manifestazione.
A fine giornata, quella stessa piazza illuminata e finalmente pulita, davanti al palazzo che volle tra i suoi ospiti più importanti quel Giambattista Basile autore de Lo cunto de li cunti, amministratore della città, nel lontano ‘600, brillava di una luce nuova.
Lunedì 28 novembre, in consiglio comunale, si discuterà ancora di inceneritore.
I coordinamenti ambientalisti cittadini, non chineranno la testa. Ed annunciano battaglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *