lingua greca

Giornata mondiale della lingua e della cultura ellenica: domani al Maschio Angioino centinaia di ragazzi si ‘sfidano’ in lingua greca

Le parole dei greci è il tema della Giornata Mondiale della Lingua Greca del 2018. I licei che aderiscono alla Maratona di Napoli Il greco fa testo nell’ambito delle manifestazioni solenni per la Giornata hanno scelto parole della lingua greca molto pregnanti e attuali: ΔΙΑΣΠΟΡΑΙ, ΘΑΛΑΣΣΑ, ΝΟΣΤΑΛΓΙΑ, ΠΑΡΡΗΣΙΑ, ΗΘΟΣ, ΗΘΙΚΗ, ΕΛΕΥΘΕΡΙΑ, ΠΑΙΔΕΙΑ, ΞΕΝΟΣ, ΜΑΝΙΑ, ΥΠΟΚΡΙΣΙΑ, ΔΡΑΜΜΑ, ΦΥΓΗ, ΑΔΕΛΦΟΣΥΝΗ, ΦΙΛΑΝΘΡΩΠΙΑ, ΟΜΟΝΟΙΑ, ΧΡΟΝΟΣ, ΕΡΩΣ, ΚΟΣΜΟΣ, ΡΑΨΩΔΙΑ, ΚΟΙΝΗ ΔΙΑΛΕΚΤΟΣ, ΜΑΘΗΣΙΣ, ΜΕΤΑΜΟΡΦΩΣΙΣ, ΟΝΑΡ.

Le parole servono a comunicare, a raccontare, leggere e interpretare il mondo. Le parole hanno una propria storia. Pensate che parole come ο ουρανός, η θάλασσα, ο ήλιος, η σελήνη, ο άνεμος si usano tuttora in Grecia, come ai tempi di Omero, Saffo e Archiloco, come ricordava il poeta Od. Elytis. Le parole non le pοrta certo il vento. Sono gli uomini in movimento o in fuga (ΦΥΓΗ) che portano in giro per il mondo i loro sogni (ΟΝΑΡ) e le parole che conoscono. Le parole sono potenti. Esse sono ‘poetiche’, hanno un potere demiurgico. Hanno la capacità di plasmare nuove realtà. Vivono nel tempo (ΧΡΟΝΟΣ) e nello spazio. Si evolvono e si trasformano (ΜΕΤΑΜΟΡΦΩΣΙΣ), finché sono vive e comunicative. Esse sono capaci di creare nuovi linguaggi di comprensione reciproca (ΚΟΙΝΗ ΔΙΑΛΕΚΤΟΣ). Esprimono sentimenti umani molto forti (ΕΡΩΣ, ΑΔΕΛΦΟΣΥΝΗ, ΦΙΛΑΝΘΡΩΠΙΑ, ΟΜΟΝΟΙΑ, ΝΟΣΤΑΛΓΙΑ). La lingua greca è l’unica lingua che distingue ΑΓΑΠΗ da ΕΡΩΣ. Le diaspore (ΔΙΑΣΠΟΡΑΙ) sono diaspore non solo degli uomini ma anche delle parole che veicolano le idee tra gli uomini che vengono in contatto, grazie ai continui flussi migratori. Le parole viaggiano con noi, favoriscono nuove conoscenze e competenze (ΜΑΘΗΣΙΣ), creano cultura (ΠΑΙΔΕΙΑ) con questo loro disseminarsi continuo in giro per il mondo (ΚΟΣΜΟΣ). Il mare ΘΑΛΑΣΣΑ ha sempre favorito la mobilità degli uomini e la diffusione delle parole e delle idee. Le diaspore creano innesti. Con le parole che usiamo, con il modo con cui le diciamo, con i nostri silenzi, con le nostre opinioni, con le intenzioni nascoste dietro alle parole, noi creiamo nuovi contesti per noi e coloro che ci circondano. Del resto le parole esistono, vivono, si diffondono e si riproducono soltanto se ci si accosta con rispetto, dando loro la libertà (ΕΛΕΥΘΕΡΙΑ) di esistere e di raccontare (ΠΑΡΡΗΣΙΑ) senza i vincoli dei nostri limiti umani, mentali ed etici (ΗΘΟΣ, ΗΘΙΚΗ). Ci sono parole che aprono orizzonti e favoriscono nuove prospettive, parole che creano barriere, parole distruttive, parole che producono rotture e catastrofi, parole che possono distruggere o cambiare in meglio il mondo. Parole che ispirano fiducia o sfiducia. Noi le usiamo ogni giorno, oralmente o per iscritto. Conversiamo, scriviamo e-mail, trattiamo, poniamo delle domande, sollecitiamo risposte. Tuttavia spesso le usiamo inconsapevolmente, senza renderci conto dell’influenza che esse hanno su di noi e le persone che stanno intorno a noi e con le quali interloquiamo. Questa Giornata Mondiale offre anche l’opportunità di riflettere sulle radici antiche e profonde dei nostri linguaggi. Una delle parole scelte è ελευθερία che ha una etimologia suggestiva: “andare dove si preferisce”. Vale a dire che l’uomo è ‘libero’ se ha la possibilità di un movimento libero da vincoli. Questa iniziativa della Giornata è nata a Napoli nel 2014. La sinergia con i licei della Campania è stata una buona idea che ha permesso di arrivare all’istituzione della Giornata in Grecia (2017). Questa iniziativa è cresciuta in questi ultimi anni moltissimo in Italia e in tutto il mondo. E posso dire che è una iniziativa che fa bene anche ai licei classici, che stanno superando finalmente la temuta crisi armonizzandosi alla rivoluzione digitale in atto.

La formazione informatica, può partire proprio dallo studio del latino e del greco, allenando il cervello alle metodologie di decifrazione, come sostiene Giorgio Ventre, membro del comitato per il miglioramento dell’insegnamento e l’aggiornamento e attualizzazione dei programmi didattici, in una recente intervista per il Sole 24 Ore.

Programma

GIORNATA MONDIALE DELLA LINGUA GRECA 9 FEBBRAIO 2018

ΠΑΓΚΟΣΜΙΑ ΗΜΕΡΑ ΕΛΛΗΝΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ 9 ΦΕΒΡΟΥΑΡΙΟΥ 2018

PROGRAMMA SOLENNI CELEBRAZIONI

Sala dei Baroni

Maschio Angioino, Napoli

9-10 febbraio 2018

Organizzazione: Comunità Ellenica di Napoli e Campania , Dipartimento Lingua Greca e Coordinamento do-centi licei classici, in collaborazione con il Comune di Napoli / Assessorato alla Cultura e il Turismo e con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania

Patrocini: Ministero Pubblica istruzione della Grecia, Ambasciata di Grecia, Comune di Napoli, ΚΕΔΕ (ANCI della Grecia),

Tema 2018: LE PAROLE DEI GRECI

Partecipano alla Maratona “IL GRECO FA TESTO”: Liceo Classico “Marchesi” (Padova) Liceo Classico “Torquato Tasso” (Salerno) Liceo Statale “Alfonso Gatto” (Agropoli) Liceo Classico “La Mura” (Angri) Liceo Classico “Manzoni” (Caserta) Liceo Classico “Giannone” (Caserta) Liceo Classico “S. Pizzi” (Capua-Caserta)

Liceo Classico “Gaetano De Bottis” (Torre del Greco-Napoli) Liceo Classico “T. L. Caro” Sarno Liceo Classico “Flacco” (Portici-Napoli) Liceo Classico Statale “G. Garibaldi” (Napoli)

Liceo Classico “Vittorio Emanuele II” (Napoli)

Liceo Classico Statale “Adolfo Pansini” (Napoli)

Liceo Classico “Genovesi” (Napoli)

Liceo Classico “Umberto I” (Napoli)

Liceo Classico “Vico” (Napoli)

Liceo Classico “Pitagora” (Pozzuoli)

Liceo Classico “Gentileschi” (Napoli)

Liceo Classico “Durante” (Frattamaggiore-Napoli)

Liceo Classico “Renato Cartesio” (Villaricca- Napoli)

Liceo Classico “Caccioppoli” (Scafati-Salerno) Liberetà di Napoli (FoQus- Napoli)

Partecipano anche i licei greci: ΓΥΜΝΑΣΙΟ ΛΥΚΕΙΟ ΜΑΡΑΘΩΝΑ, ΓΥΜΝΑΣΙΟ ΛΥΚΕΙΟ ΛΟΥΜΠΟΥΜΠΑΣΙ/ΚΟΓΚΟ (Ginnasio di Lubumbashi-Congo,), 6ο ΓΕΛ Ν. ΙΩΝΙΑΣ ΑΤΤΙΚΗΣ, 1o ΓΕΛ ΠΕΥΚΗΣ ΑΤΤΙΚΗΣ, 1o ΓΕΛ ΝΕΑΣ ΣΜΥΡΝΗΣ. Partecipano inoltre la Scuola Greca di Napoli-Ελληνικό Σχολείο / ΤΕΓ Νεαπόλεως και Καμπανίας, Liceo Ginnasio di Wuppertal-Germania e la Coo-perativa Culturale LiberEtà-FOQUS (Napoli)

Venerdì 9/2/2018

Prima Sessione 9.00-12.00

1) LiberEtà/Napoli, video ΔΙΑΣΠΟΡΑI 2) Liceo “R. Cartesio” / Villaricca (Na), ΥΠΟΚΡΙΣΙΑ 3) Liceo “G. Garibaldi” / Napoli, ΦΥΓΗ 4) Liceo “Q. O. Flacco” / Portici (Na), ΑΔΕΛΦΟΣΥΝΗ 5) Liceo “A. Gentileschi” / Napoli, ΕΡΩΣ 6) Liceo “Pitagora” / Pozzuoli (Na), ΚΟΣΜΟΣ, 7) Liceo “F. Durante” / Frattamaggiore (Na), 8) Liceo “Umberto I” / Napoli, ΡΑΨΩΔΙΑ 9) Liceo “A. Genovesi” / Napoli, ΦΙΛΑΝΘΡΩΠΙΑ/ΟΜΟΝΟΙΑ Seguirà collegamento Skype con Liceo Ginnasio di Wuppertal – Germania

11.50 Conferenza introduttiva del Prof. Giulio Mario Chiodi: “La parola per I greci”

12.00

CERIMONIA UFFICIALE

Intervengono il Sindaco Luigi de Magistris, il presidente del KEDE Dimitris Kafandaris, la Direttrice dell’Ufficio Scolastico Regionale Luisa Franzese, l’Assessore comunale alla cultura Nino Daniele, il Presidente della Comunità Ellenica di Napoli e Campania Paul Kyprianou, i rappresentanti dei docenti.

Sessione pomeridiana 15.00-18.00

1) 1° ΓΕΛ ΠΕΥΚΗΣ, ΗΘΟΣ-ΗΘΙΚΗ /ΔΡΩΜΕΝΑ ΚΑΙ ΑΦΗΓΗΣΕΙΣΝΑΠΟ ΤΟ ΕΡΓΟ ΤΟΥ ΑΛ. ΠΑΠΑΔΙΑΜΑΝΤΗ

2) Liceo “G. De Bottis” / Torre del Greco (Na), ΠΑΡΡΗΣΙΑ

3) Liceo “T. Tasso” / Salerno, ΛΟΓΟΣ 4) Liceo “Don C. La Mura” / Angri, ΠΑΙΔΕΙΑ

5) Liceo “A. Gatto” / Agropoli (Sa), ΞΕΝΟΣ

6) Liceo “S. Pizzi” / Capua (Ce), ΜΑΝΙΑ

7) 6° ΓΕΛ ΝΕΑΣ ΙΩΝΙΑΣ, ΕΛΕΥΘΕΡΙΑ/ΔΡΩΜΕΝΑ ΚΑΙ ΑΦΗΓΗΣΕΙΣΝΑΠΟ ΤΟ ΕΡΓΟ ΤΟΥ Δ. ΣΟΛΩΜΟΥ

ore 17.00, collegamento in diretta via Skype con Ginnasio Liceo di Maratona

ore 18.30, collegamento in diretta via Skype con Ginnasio Liceo di Lumumbasi-Congo.

Sabato 10 .2. 2018 Sessione Unica 9.00-13.00

ore 9.00, proiezione video del Liceo Unitario di Nea Smyrni. 1) Liceo “G. B. Vico” / Napoli, ΚΟΙΝΗ ΔΙΑΛΕΚΤΟΣ 2) Liceo “V. Emanuele II” / Napoli, ΜΑΝΙΑ 3) Liceo “A. Pansini” / Napoli, ΜΑΘΗΣΙΣ 4) Liceo “A. Manzoni” / Caserta, ΝΟΣΤΑΛΓΙΑ 5) Liceo “C. Marchesi” di Padova, ΧΡΟΝΟΣ 6) Liceo “T. L. Caro” / Sarno (Sa), ΜΕΤΑΜΟΡΦΩΣΙΣ/ΟΝΑΡ

7) Scuola Greca di Napoli, ΘΑΛΑΣΣΑ

CERIMONIA DI CHIUSURA, ore 13.30 Intervengono il vice Sindaco della Città Metropolitana Salvatore Pace, l’Assessore comu-nale alla cultura Nino Daniele, l’Assessore comunale all’istruzione Annamaria Palmieri, la Direttrice dell’Ufficio Scolastico Regionale Luisa Franzese, i presidi e i docenti dei Licei aderenti, il Comitato Direttivo della Comunità Ellenica di Napoli e Campania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *