Gioielliere ucciso: il 31enne fermato ad Ischia avrebbe avuto dei complici

Gioielliere ucciso: il 31enne fermato ad Ischia avrebbe avuto dei complici. Le attenzioni degli investigatori si concentrano sul movente dell’omicidio

Non sarebbe entrato in azione da solo ma avrebbe avuto dei complici il trentunenne rintracciato ieri in una camera d’albergo di Ischia e sottoposto a fermo dai carabinieri di Giugliano in Campania (Napoli) e dal pm di Napoli Nord Simone de Roxas nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Salvatore Gala, il gioielliere di 43 anni ucciso la sera dell’8 maggio scorso, con un colpo di pistola alla tempia, nel suo negozio di Marano di Napoli.

 

Gioielliere ucciso: 31enne conosceva la vittima

Al Maurizio De Fenza, detto “‘o mamozio”, gli inquirenti contestato i reati di omicidio e rapina in concorso, oltre a reati legati al possesso illegale di armi (la pistola usata per uccidere Gala, comunque, finora non è stata trovata). Le attenzioni degli investigatori si stanno ora concentrando sul movente dell’omicidio, sebbene, almeno all’apparenza, gli indizi portino a pensare che si sia trattato di una rapina finita male. Inoltre De Fenza conosceva la vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *