Gasolio a domicilio: sequestrato un ingente carico e denunciato l’autista della vettura

Gasolio “porta a porta”, con una monovolume trasformata in una stazione di rifornimento, e una maxi evasione delle imposte pari a oltre 200mila euro

Gasolio “porta a porta”, con una monovolume trasformata in una stazione di rifornimento ambulante, e una maxi evasione delle imposte pari a oltre 200mila euro: è quanto ha scoperto la Guardia di Finanza di Napoli che, a Teano, nel Casertano, ha sequestrato un ingente carico di carburante e denunciato l’autista della vettura per contrabbando.

 

Gasolio a domicilio: vendute diverse migliaia di litri

I finanzieri hanno notato la monovolume grazie alla sua andatura lenta, determinata dal peso del gasolio contenuto in una cisterna da circa mille litri, ingegnosamente sistemata al posto dei sedili posteriori. Il carburante veniva erogato con una “pistola conta litri” professionale che ha consentito ai finanzieri di scoprire l’ evasione delle imposte, stimata in oltre 200mila euro. Sono state diverse le migliaia di litri di carburante vendute, infatti, secondo gli accertamenti dei finanzieri del comando provinciale di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *