Terremoto, i napoletani passano la notte in auto: ecco i kit di sopravvivenza

Terremoti, come mettere a punto un kit di sopravvivenza e un piano d’azione.

Nessun allarmismo, sia chiaro. Però a fronte di molte persone che a Napoli e dintorni hanno dormito già pronte per scappare, o addirittura hanno passato la notte in auto, ecco alcuni punti fermi da osservare se si vuole fare un kit di sopravvivenza.

 Tenere in casa scorte di acqua e cibo

Valutate le esigenze vostre e della famiglia  (soprattutto di acqua). Un adulto ha bisogno di più o meno 4 litri di acqua al giorno. Un anziano, una donna che allatta o chi vive in regioni calde potrebbe avere bisogno di quantità maggiori. Si calcola che i giorni di emergenza estrema sono sempre almeno tre, quindi calcolate la quantità minima di acqua necessaria. Certo l’acqua conservata a lungo in bottiglia potrebbe non avere un buon sapore, ma di certo è sicura da bere. Serve poi cibo a sufficienza per tre giorni. Meglio cibo liofilizzato e barrette, che però costano molto, per cui va bene anche lo scatolame (basta ricordarsi poi l’apriscatole).

Torce

Dal momento che torce elettriche, penne e ombrelli tendono a sparire per primi, compratene qualcuno in più. I Vigili del Fuoco raccomandano di tenere una torcia e un paio di scarpe robuste vicino al letto di ciascun componente della famiglia. Si consigliano le torce elettriche a led sono piccole e costano poco.

Radio e caricatori

Gli esperti  raccomandano di avere sempre a portata di mano una radio per le notizie e gli aggiornamenti sui soccorsi, meglio ancora se si ricarica ad energia solare. Meglio avere un caricatore solare per cellulare, iPad e altro e considerare anche un caricabatterie per auto.

Tenere tutto a portata di mano

Sarebbe meglio tenere tutto il materiale di primissima necessità in un unico zaino in un posto velocemente raggiungibile in caso di fuga precipitosa. Dal momento però che non è detto che al momento dell’emergenza siate a casa è consigliabile tenere anche qualcosa in macchina (acqua, per esempio) e/o in ufficio.

Conservate i vostri dati informatici

Se avete l’abitudine di salvare documenti, o altro a cui tenete, su computer o affini, è una buona idea iniziare a fare un back up di tutto. Vi risparmierà il dover frugare in fretta per mettere in salvo foto, musica, documenti della banca e file vari al momento della fuga. Meglio magari un processo in due tempi: prima salvare tutto su un disco rimovibile e poi su uno dei servizi online di salvataggio che salvano le vostre cose anche se il vostro computer va in mille pezzi.

Mettete a punto un piano d’azione

Fare provviste e basta non è sufficiente: coordinatevi con il resto della famiglia e concordate un unico punto in cui tutta la famiglia dovrà convergere per ritrovarsi, qualora al momento della disgrazia i singoli si trovassero in posti diversi e le linee telefoniche siano saltate.
Prevenire è meglio che curare, ma tutti ci auguriamo comunque che non succeda niente: #NoAuguri ai terremoti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *