francesco gabbani

Francesco Gabbani vince ancora: concerto all’Arenile

La nostra Marina Palumbo ha seguito il concerto di Francesco Gabbani all’Arenile di Bagnoli. Ecco cosa è successo durante il bellissimo concerto

Sabato 9 settembre l’Arenile di Bagnoli ha ospitato Francesco Gabbani in concerto, cantautore italiano pluripremiato.

Gabbani apre il suo show con Magellano, da subito i suoi fan si caricano d’adrenalina. Seguono Software, Tra le granite e le granate, Clandestino e finalmente Occidentali’s Karma.

 

Francesco Gabbani: un compleanno spettacolare

Il cantante, dopo essersi scatenato insieme al suo pubblico, regala una dose di romanticismo con Eternamente ora e dopo altri brani dedica una poesia alla città di Napoli che ha scelto per festeggiare il suo 35° compleanno.

I fan, non sono impreparati, oltre a far spegnere le candeline a Francesco, quando la band a sorpresa suona Buon compleanno alzano al cielo cartelloni di auguri.

In quest’occasione il festeggiato non evita di dimostrare la sua emozione e l’affetto per i napoletani. “È difficile trovare le parole per la mia gratitudine… per me questa sensazione vale molto di più di qualsiasi disco venduto”: grida emozionato.

Gabbani rende il suo concerto una vera e propria esibizione artistica, con la sua versatilità e abilità motoria riesce a tenersi sempre in contatto con il suo pubblico.

Non sono mancati rimandi ai suoi idoli di sempre con le rivisitazioni di Susanna di Celentano e Vengo anch’io, no tu no  di Jannacci.

Conclude il concerto con il suo ultimo singolo Pachidermi e pappagalli.

L’artista con sarcasmo e ironia, come sempre, attraverso le sue canzoni denuncia l’ipocrisia della nostra epoca.

Artista anche nei ringraziamenti e soprattutto nel salutare i suoi fan.

Attenzione… colpo di scena: luci ormai spente, il pubblico diretto all’uscita, ecco che riparte lo show con il bis di Occidentali’s Karma, regalando l’ultima dose di adrenalina.

 

                                                                                              Marina Palumbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *