Era un pesce d’aprile la firma tra De Laurentiis e De Magistris per lo stadio San Paolo

“La firma è cosa fatta” è un pesce d’aprile, ma non tanto lontano dalla realtà

In merito alla notizia di ieri su un presunto accordo tra il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, e il Presidente della SSC Napoli Aurelio De Laurentiis sulla concessione dello stadio San Paolo, la redazione di Road Tv Italia ci tiene a precisare che si è trattato di un pesce d’aprile. Attenzione però, quello che oggi è uno scherzo potrebbe trasformarsi a breve in una notizia vera, potrebbe essere uno “scoop d’aprile“.

Credibilità dello scherzo e numerosi commenti da parte degli utenti

Alcuni utenti lo avevano capito, altri invece ci avevano creduto. Ieri era un giorno particolare, il primo aprile, in cui ci siamo permessi di prenderci una “pausa” e unirci allo scherzo, come anche altre testate hanno fatto. E che scherzo! Si è scatenata una serie di commenti sull’acquisizione dello stadio da parte del Napoli Calcio. Commenti di ogni tipo: tecnici, giuridici e di grande gioia per il tanto atteso accordo. Alcuni utenti hanno pubblicato una serie di documenti in Pdf comprovante la bontà delle nostre tesi e che la forma di accordo fosse quella giusta. Insomma uno scherzo ben riuscito.

Spiegazioni e chiarimenti

Alcune testate hanno ripreso la notizia, riportandola come vera. Abbiamo ricevuto una pioggia di mail dai nostri utenti e richiesta di spiegazioni e una richiesta di modifiche nel titolo apparso fuorviante da parte del Comune di Napoli. Il nostro pesce d’aprile forse tanto lontano dalla realtà non è. Noi abbiamo deciso di “scherzare” su uno dei temi scottanti intorno al Napoli calcio che stanno tenendo banco in questi giorni in città. Lo abbiamo fatto con la speranza che quanto detto si possa davvero avverare nel prossimo futuro.

Scuse ai lettori, ma lo scherzo è riuscito

Ci scusiamo ancora una volta con i nostri lettori che hanno creduto nella notizia dando prova di grande fiducia nei nostri confronti. Il nostro scherzo non sarà stato come quello di Orson Welles e il suo sbarco degli alieni nel ’38, né come l’annunciata morte del Sindaco (di pessimo gusto), ma riteniamo di aver rispettato appieno lo spirito del primo aprile.