Antonio Franzese, fermati due 23enni per omicidio

Fermati due 23enni per l’omicidio di Antonio Franzese, il ragazzo ucciso al rave party nel casertano

Entrambi di Napoli e di 23 anni i due fermati per l’omicidio di Antonio Franzese. Il ragazzo che amava la musica e la cui vita si è spenta troppo presto

Due 23enni sono stati fermati per l’omicidio di Antonio Franzese, 24enne di Frattamaggiore (Napoli) ucciso nella notte tra l’1 e il 2 giugno durante un rave party a Castel Morrone (Caserta). I due, E.R. e M.F., entrambi di Napoli, sono stati identificati nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere quali presunti autori dell’omicidio.

 

Gli investigatori alla ricerca del movente che ha condotto alla morte Antonio Franzese

E’ inoltre emerso che la vittima e i due giovani fermati, giunti all’ospedale civile di Caserta nel corso della notte, avrebbero partecipato a una rissa nella quale hanno tutti riportato varie ferite da taglio e nella quale Franzese, detto “Frankie Furioso” è rimasto ferito mortalmente. Ancora incerto il movente, ma gli interrogatori delle prossime ore potrebbero rendere più chiara la situazione che lo ha portato ad essere colpito con due coltellate in pieno petto, finendo in una pozza di sangue.

 

Antonio Franzese era detto “Frankie Furioso”, ma era un ragazzo normalissimo che amava la musica

A dispetto del nome di battaglia, Franzese era un ragazzo normalissimo. La sua famiglia molto conosciuta a Frattamaggiore, con il padre che dirige il bar “Nina” a via Mazzini. Antonio spesso era lì, ma la sua vita si svolgeva soprattutto intorno alla musica techno. Organizzando eventi con la sua società. E tra questi, proprio il rave party che lo ha condotto alla morte.