Fase 2 in Campania: caffè al bancone e pizzerie ancora solo asporto, cosa riapre e cosa no oggi

I dettagli sulle riaperture della Fase 2 nell’ordinanza della Regione.

Tutto quello che c’è da sapere sulla ripartenza.

Bar ed esercizi commerciali riapriranno in Campania giovedi’ prossimo, il caffe’ fino ad allora si potra’ prendere solo al banco. E’ quanto prevede l’ordinanza della Regione, emanata nella tarda serata di ieri. Per le attivita’ commerciali, riaprono i “servizi alla persona” (parrucchieri, barbieri, centri estetici), le attivita’ commerciali al dettaglio, i bar (con servizio al banco, non ancora ai tavolini). La ristorazione ripartira’ dal 21 maggio prossimo. Cosi’ come musei, biblioteche, luoghi cultura. Per le attivita’ economiche, ivi comprese le attivita’ ricettive non alberghiere e balneari, si da’ mandato all’Unita’ di Crisi regionale, sentite le categorie interessate, di definire adeguate misure ai fini della ripresa in sicurezza delle attivita’ entro il 25 maggio 2020. Per gli esercizi commerciali si autorizza e si raccomanda l’apertura dalle 7 alle 23, senza obbligo di chiusura domenicale. Per quanto riguarda le attivita’ sportive e’ consentito il tennis e tutte le attivita’ sportive con distanziamento di almeno due metri; anche circoli e associazioni sportive. Restano chiuse piscine e palestre fino al 25 maggio.

Per quanto riguarda le disposizioni in tema di ingressi e rientri nel territorio regionale, a tutti i soggetti provenienti dalle altre regioni d’Italia o dall’estero, che faranno ingresso nel territorio regionale, fino al 2 giugno e’ fatto obbligo, salvo che l’arrivo sia motivato da comprovate esigenze lavorative o da comprovati e certificati motivi di salute, di comunicare l’arrivo al Dipartimento di prevenzione della ASL territorialmente competente, al Comune di residenza, domicilio o dimora di destinazione, nonche’ al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta, ove appartenenti al Servizio Sanitario della Regione Campania; di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo, con divieto di contatti sociali; di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attivita’ di sorveglianza.

Alle persone dirette verso le isole di Capri, Ischia e Procida e’ fatto divieto di raggiungerle con mezzi privati da diporto, tenuto conto dell’esigenza di controllare gli imbarchi e gli sbarchi; disposto l’obbligo per i viaggiatori di imbarcarsi unicamente con traghetti di linea e dalle sole stazioni di Napoli Porto di Massa e Pozzuoli; l’obbligo della prenotazione online almeno 24 ore prima della partenza, in modo da consentire la piu’ celere organizzazione dei controlli sanitari; e di presentarsi all’imbarco almeno un’ora prima della partenza, per consentire i controlli; oltre all’obbligo per tutti i viaggiatori di sottoporsi alla rilevazione della temperatura corporea ed al test rapido Covid-19. Sara’ vietato l’imbarco ai viaggiatori che presentano una temperatura corporea pari o superiore a 37,5°C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *