Elezioni metropolitane: il PD è il primo partito metropolitano

In queste ore si discute dei seggi contestati a De Magistris da parte di Fratelli d’Italia. Fino a nuove dichiarazioni il PD si definisce come il primo partito di Città Metropolitana.

Non si può non ammettere il successo delle attività on the road dell’ex sindaco Luigi De Magistris ma, ancor di più, nei palazzi che hanno espresso gli eletti per la Città metropolitana. Tra i seggi assegnati 7 sono andati a Partito Democratico e Forza Italia, 6 alla Lista civica “Bene Comune” di De Magistris; 4 le schede dubbie. Il PD è il primo partito metropolitano.   

In base alle dichiarazioni rilasciate dai presidenti dei seggi per l’elezione del consiglio della nuova città metropolitana di Napoli le 4 schede non solo sono state ritenute dubbie, contestate, ma rischiano di compromettere l’esito delle elezioni “metropolitane”, delle provinciali. Quattro schede contestate rischiano di alterare l’esito delle elezioni provinciali così come è stato definito dai presidenti dei seggi per l’elezione del consiglio della nuova città metropolitana di Napoli.

Lo scrutinio ha aggiudicato al Partito Democratico e a Forza Italia 7 seggi; un seggio è stato assegnato a Fratelli d’Italia. Il sindaco sospeso Luigi De Magistris ha ottenuto 6 seggi con la lista civica “Citta metropolitana Bene Comune”; altri 3 sono stati assegnati al Nuovo Centro-Destra, il quale ha depositato presso la Commissione elettorale un ricorso che è discusso in questo momento. contestando un seggio alla lista civica dell’ex magistrato napoletano.

Nei grandi comuni della provincia il Partito Democratico è il primo partito con 173 voti, segue Forza Italia con 165, il Nuovo Centro-Destra con 69, la lista De Magistris con 38.

Nei comuni medi il Partito Democratico raccoglie 88 preferenze, Forza Italia 77, il  Nuovo Centro-Destra 49, la lista De Magistris 5.

Nei comuni minori è Forza Italia il primo partito (con 201 voti). Il Partito Democratico  raccoglie 166 voti, il Nuovo Centro-Destra 102, Fratelli d’Italia 42, la lista de Magistris 23.

Tra gli eletti riportiamo i seguenti:

PD

Domenico Tuccillo, Luca Mascolo, Salvatore Madonna, Antonio Borriello, Agostino Pentoriero, Ferdinando Uliano, Ciro Sarno.

Lista civica De Magistris

Gaetano Troncone, David Lebro, Elena Coccia, Carmine Attanasio, Elpidio Capasso

Forza italia

Antonio Petrangelo, Domenico Marrazzo, Francesco Iovino, Giuseppe Capone, Francesco Pinto, Gabriele Mundo, Stanislao lanzotti

Nuovo Centro-Destra

Marco Mansueto, Domenico Palmieri, Raffaele Lettieri, Paolo Avitabile

Fratelli d’Italia 

Enzo Moretto