Edilizia: perso circa 5000 posti di lavoro nel Casertano

Circa cinquemila posti di lavoro persi dal 2009 ad oggi, con appena 1500 aziende “regolari” a fronte di oltre 8000 che praticano il “lavoro nero”

Circa cinquemila posti di lavoro persi dal 2009 ad oggi, con appena 1500 aziende “regolari” a fronte di oltre 8000 che sfuggono a qualsiasi controllo, e che praticano sistematicamente il “lavoro nero“. E’ la fotografia del settore dell’edilizia in provincia di Caserta, scattata dalla Fillea-Cgil, che mercoledì 10 ottobre celebrerà il suo congresso provinciale al Teatro della Legalità di Casal di Principe, nella cittadina che una volta era la roccaforte della camorra casalese che gestiva in quasi totale monopolio l’attività edile pubblica e privata nel Casertano e in molte altre zone d’Italia.

 

Edilizia, segretario Fillea-Cgil: “A far rallentare il settore edile la mancanza di opere pubbliche di rilevante importanza”

A far rallentare il settore edile – spiega il segretario della Fillea-Cgil di Caserta Vincenzo Maio – è soprattutto la mancanza di opere pubbliche di rilevante importanza; le ultime risalgono ormai a oltre 20 anni fa“. L’unica attualmente cantierizzata, il Policlinico Universitario di Caserta, infrastruttura in corso di realizzazione da circa 160 milioni di euro, è ferma da oltre un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *