E’ morto Clive Burr, lo storico batterista degli Iron Maiden

Triste notizia in casa Iron Maiden, a 56 anni, lo scorso 12 marzo 2013 lo storico batterista Clive Burr ha perso la battaglia contro la sclerosi multipla. Militando nella formazione inglese dal 1979 al 1982 Clive Burr è stato il primo batterista ufficiale degli Iron Maiden, con i quali ha inciso tre album: Iron Maiden, Killers e The Number of the Beast; dischi che oltre ad aver ottenuto un ottimo successo commerciale, hanno influenzato centinaia di gruppi musicali a venire nel corso degli ultimi trent’anni.

Fu sostituito negli Iron Maiden dall’amatissimo Nicko McBrain, dopo essersi allontanato durante il tour di ”The number of the Beast’‘ per stare vicino alla propria famiglia in seguito alla morte del padre. Dopo aver suonato in molte altre formazioni in ambito rock, con alterne fortune, nel 1994 scoprì di essere affetto da sclerosi multipla. L’assistenza medica di cui aveva bisogno per fronteggiare la malattia risultò essere molto dispendiosa, motivo per il quale gli Iron Maiden stessi più volte hanno eseguito concerti e manifestazioni di beneficenza sostenendo, contribuendo anche alla sua nascita, la fondazione ”Clive Burr MS Trust Fund per aiutare l’amico da un punto di vista umano oltre che finanziario.

Il mondo della musica rock è quindi a lutto, per aver perso non soltanto un soldato del suo vasto esercito, nonchè un validissimo musicista, ma anche una persona speciale, capace di fungere da esempio per tante persone malate e in difficoltà, soprattutto per coloro che gli sono state vicino e lo hanno conosciuto, a tal proposito le parole di Bruce Dickinson, cantante degli Iron Maiden, sono emblematiche ”Era un’ottima persona che amava la vita. Anche nei momenti più bui della sua esistenza non ha mai perso il buon umore e l’ottimismo. Era irriverente e caustico, con un gran senso dell’umorismo. Tutti noi siamo vicini alla sua compagna Mimi e alla famiglia

R.I.P Clive, i tuoi colpi di cassa scandiranno per molto tempo i battiti del cuore di ogni rockettaro.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *