Dura replica di Saviano alle dichiarazioni del ministro Lorenzin

Roberto Saviano accusa il ministro Lorenzin di dichiarazioni bestiali. “Fumo e alcol sono le cause delle morti in Terra dei fuochi” secondo il ministro Lorenzin.

In queste ultime settimane non sembrano riscontrare molto successo le ultime dichiarazioni del ministro Lorenzin. Dopo le risibili operazioni di monitoraggio in Terra dei fuochi reclamizzate dalla Lorenzin,  il Ministro viene criticato duramente dall’intellettuale Roberto Saviano. La Lorenzin ribadiva, nelle sedi dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, che “il cancro in Campania è conseguenza di abitudini sbagliate. Troppo fumo, troppo alcol e troppi grassi”. Ignorando totalmente le cronache, gli studi scientifici, le mobilitazioni popolari, le morti, i disastri degli ultimi quarant’anni, il Ministro si abbandona a tesi che non reggono i 5 minuti.

In risposta alle sue dichiarazioni Roberto Saviano replica dichiarando: “Spero abbia condotto indagini approfondite prima di ribadire una tale bestialità. Allora sarà così gentile da pubblicarle sul sito del Ministero, in modo da smentire una volta per tutte chi ritiene che la maggiore incidenza di tumori in Campania sia dovuta all’inquinamento”.

Roberto Saviano sembra non essere il solo ad essere convinto dell’insostenibilità delle catene causali sostenute dal ministro Lorenzin, e numerose visualizzazioni e apprezzamenti  sostengono il post sul suo profilo Facebook. In conclusione il giornalista scrive che: “Certo un ministro dovrebbe evitare i luoghi comuni e rispondere dell’avvelenamento di un’area pericolosamente estesa e ormai compromessa. Quante bonifiche ci sono state? Chi le ha fatte? Quanti monitoraggi? Chi li ha condotti? Il ministro deve rispondere dei veleni ora, subito, immediatamente. Sarebbe come dire, rispondendo ai morti di camorra, che in fondo a Napoli si muore più per incidenti stradali (…). Questa storia dell’alimentazione sbagliata dei campani sembra ormai una barzelletta, di pessimo gusto”.