Raffaele Cepparulo

Raffaele Cepparulo, capo del gruppo criminale dei ‘barbuti’ ucciso in un agguato di camorra a Ponticelli

Ponticelli – Due sicari hanno uccidono membro del clan ‘barbuti’, il boss Raffaele Cepparulo, 24enne. A perdere la vita anche Ciro Colonna, appena 17enne.

Nell’agguato, avvenuto in via Cleopatra, Ponticelli, sono morti Raffaele Cepparulo, 24 anni, e Ciro Colonna, 17 anni. Il primo faceva parte del clan criminale dei ‘barbuti‘, chiamati così per il loro look caratterizzato da barbe lunghe e folte. I ‘barbuti’ operavano al Rione Sanità, da dove furono cacciati. Si sono allora spostati nella zona Orientale di Napoli. Raffaele era un elemento di spicco del clan.

L’agguato a Ponticelli

Le due vittime erano all’interno di un circoletto abusivo di Ponticelli. L’obiettivo dei sicari, era sicuramente Raffaele Cepparulo, nell’agguato però ha perso la vita anche Ciro Colonna, incensurato, appena 17enne, che si trovava lì a poca distanza dal capo dei ‘barbuti’. Ciro è morto in ospedale dopo un’inutile corsa in ospedale. Dopo aver sparato i colpi mortali si sono allontanati in una strada laterale e qui forse sarebbero fuggiti su di una moto o auto. Raffaele Cepparulo, l’aprile scorso, era stato destinatario di un provvedimento di fermo per un progetto di omicidio del leader dei Sibillo, clan rivale.