drone di Maurizio Sarri

Il drone di Maurizio Sarri registra il lavoro sul campo

L’occhio del drone di Maurizio Sarri, vigile sul campo di Carciato, segna l’inizio di una nuova sfida all’insegna di dedizione e duro lavoro.

L’occhio del drone di Maurizio Sarri, vigile sul campo di Carciato, segna l’inizio di una nuova sfida all’insegna di dedizione e duro lavoro.

E’ un nuovo giorno nell’azzurra Val di Sole. Il nono giorno porta con sé nuove certezze e nuovi dubbi. Marek Hamsik torna in campo dopo le noie muscolari e insieme al compagno David Lopez comincia l’ allenamento differenziato con il preparatore atletico a bordo campo. Out invece Strinic, al posto del quale entra in campo Bonomi, collaboratore di Maurizio Sarri.

I portieri si allenano con Nista e lo spara palloni, mentre il resto della squadra continua con esercizi di risveglio muscolare. Sarri chiama a sé la difesa e cominciano gli schemi sul possesso palla: due passaggi e subito rifinitura per i compagni.

Hamsik e David Lopez corrono sulla pista di atletica e dopo poco abbandona il campo. Standing ovation per il capitano azzurro. Attacco e centrocampo riprendono i giri di campo, la difesa, dopo il posizionamento dei bersagli, continua a focalizzare l’attenzione sul possesso palla, marcamento, rifinitura. Schemi che stavolta terminano con tiro in porta e non prevedono la presenza di avversari. Centrocampo e attacco di esercitano su pressing.

Termina qui la seduta mattutina. Intanto si aspetta l’arrivo di Allan per provare nuovi schemi e nuovi moduli. Il giovane di proprietà del Granada arriverà nei prossimi giorni per essere integrato alla rosa.

Speciale Dimaro 2015

 

 

 

 

 

studio tecnico legale vitale francesco