Traffico di droga: viola l'obbligo di dimora e va in crociera, un selfie lo incastra

Droga nelle scarpe durante i colloqui in carcere

Approfittando dei colloqui avrebbero introdotto droga nel carcere napoletano di Poggioreale nascondendola nelle scarpe: tre donne, parenti di due detenuti, sono finite agli arresti domiciliari al termine di indagini della Polizia Penitenziaria, coordinate dal pm della Procura partenopea Stefano Capuano e dal procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli.

 

Droga tra il tacco e la sua suola delle scarpe

Si tratta di Anna Improta, Anna De Luca e Raffaella Loffredo, parenti dei detenuti Domenico Farina e Vincenzo Mocerino con i quali le tre donne, anche telefonicamente, si accordavano per fare entrare lo stupefacente in carcere. L’hashish veniva sistemato in un nascondiglio che le donne – madri e compagne dei detenuti – si erano fatte ricavare tra il tacco e la suole delle scarpe. Una volta in carcere, la droga veniva ceduta ai detenuti dell’istituto penitenziario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *