Saviano

Diciotti, Saviano: “Salvini era pronto a farsi processare, poi deve averci ripensato”

Le parole di Saviano affidate a Twitter: “il ministro della Mala Vita anticipa la sua difesa nel processo che il Tribunale dei ministri vorrebbe fargli”.

Le parole di Roberto Saviano affidate al suo profilo Twitter: “il ministro della Mala Vita si fa scrivere dall’avvocato una lettera e in cui anticipa la sua difesa nel processo che il Tribunale dei ministri vorrebbe fargli per sequestro di persona”.

Salvini sul caso Diciotti ha infine compreso il guaio grosso in cui si è cacciato a causa del suo cinismo. ‘Processatemi, anzi no’ e così il ministro della Mala Vita si fa scrivere dall’avvocato una lettera che indirizza al ‘Corriere della Sera’ e in cui anticipa la sua difesa nel processo che il Tribunale dei ministri vorrebbe fargli per sequestro di persona“. Lo scrive Roberto Saviano su Twitter.

Saviano: “Salvini confonde la legalità con il consenso”

Saviano
Le parole di Roberto Saviano dopo la lettera scritta dal ministro Salvini

Prima era pronto a farsi processare, poi ci ha dormito su e deve averci ripensato. Del resto, quando tutti in coro ti dicono che verrai senz’altro assolto, hai serie possibilità di essere condannato. Ma c’è un dettaglio che trovo molto interessante: nella lettera inviata oggi al ‘Corriere’, nella quale Salvini confonde la legalità con il consenso (se mi hanno votato, quello che ho promesso in campagna elettorale posso farlo, anche se violo le leggi), manca qualcosa. Ciò che manca è un riferimento, anche minimo, alla nostra Costituzione, che lui ha consapevolmente violato“.

Invece – come argomentazioni difensive – abbondano nella lettera i riferimenti a Trattati e Corti europee. E chi se lo sarebbe mai aspettato da Salvini: rifugiarsi nei trattati europei, proprio lui, il sovranista più puro su piazza. Sta di fatto che il processo inizia a fargli paura; deve essersi accorto, il Ministro (o, più verosimilmente, devono avergli fatto notare), che è diventato troppo ingombrante, soprattutto per gli amici. Da che mondo è mondo – conclude -, in politica sei necessario fino a quando – magari perché hai strafatto, perché hai tirato troppo la corda – non sei più funzionale“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *