Delitto di Udine: reo confesso

Nello zaino trovato coltello da cucina sporco di sangue

E’ stata sospesa oggi l’autopsia sul corpo di Silvia Gobotto 28 anni, in seguito alla notizia del fermo di Nicola Garbino che dice di aver ucciso a coltellate la giovane donna mentre faceva jogging lungo un sentiero nella periferia di Udine.
Il reo confesso – residente a Zugliano (Udine) di 36 anni senza precedenti penali, con disturbi psichici – ha riferito ai carabinieri che lo hanno fermato : ”mi avete beccato”, nello zainetto che indossava è stato poi trovato un coltello da cucina sporco di sangue e sulle braccia avrebbe graffi e segni compatibili con l’aggressione alla vittima. L’uomo è stato condotto nella caserma di Viale Trieste a Udine per i relativi accertamenti. Si tratta di un mitomane o del vero assassino? Al vaglio degli inquirenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *