De Magistris: "Domenica vincerà il popolo. Saremo come Davide contro Golia"

De Magistris: “Domenica vincerà il popolo. Saremo come Davide contro Golia”

Si è chiusa ieri con un grande evento sul lungomare, la campagna elettorale di Luigi de Magistris. Presente Salvatore Borsellino: “E’ il sindaco migliore”

“Domenica non vince Luigi de Magistris, ma vince il popolo”. Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris a margine di “Napolilibera” evento di chiusura della sua campagna elettorale, avvenuto ieri sul lungomare liberato di fronte a tanti cittadini accorsi a dare il loro sostegno.
Una campagna elettorale che il sindaco che tenta il bis a Palazzo San Giacomo ha definito “entusiasmante” e che – ha detto – è stata fatta “con il popolo, guardando i napoletani negli occhi senza farci trascinare da chi la voleva avvelenare”.

 

De Magistris: “Il Governo è entrato a gamba tesa”

In questa campagna elettorale “il Governo è entrato a gamba tesa e Renzi ha utilizzato la grancassa mediatica di cui gode un Presidente del Consiglio, ma noi saremo Davide contro Golia”, ha aggiunto riferendosi alla presenza del premier oggi in città alla manifestazione di chiusura della campagna elettorale della candidata sindaco del Pd Valeria Valente. De Magistris si è definito “un sindaco molto politico, ma contro la partitocrazia e contro il sistema”. Mentre, invece, di Lettieri dice “è il presidente della comunità del rancore”“Voglio dire una cosa – ha aggiunto – cinque anni fa la città era sommersa dai rifiuti, ora non ci sono più sacchetti in strada e siamo in testa alle classifiche per numero di turisti”.

 

Salvatore Borsellino: “Napoli non può avere un sindaco migliore di Luigi de Magistris”

Tra gli ospiti dello show presentato da Gigi & Ross, anche Carmine Monaco, il popolarissimo ‘o track della fiction Gomorra. “Ho conosciuto de Magistris ai Quartieri Spagnoli, noi ragazzi e artisti di quella lo appoggiamo con convinzione. Il sindaco parla chiaro e affronta i problemi di persona, appoggiando le manifestazioni del popolo”. Al fianco del sindaco, anche Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso dalla mafia. “Ho sempre evitato di schierarmi, perché  il nome di Borsellino appartiene a tutti e non può essere di parte. Ma qui c’è qualcosa di diverso, Napoli mi ha fatto l’onore di diventare suo cittadino onorario. Non posso votare, e questo è il mio modo di esprimere il mio voto. Napoli non può aver un sindaco migliore di questo”.