vincenzo de luca

De Luca: “Al Loreto Mare controllo digitale della firma”

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca ha commentato le indagini sugli assenteisti del Loreto Mare, proponendo le soluzioni della Giunta

“Ho dato mandato ai direttori generali di muoversi in tre direzioni: verificare la possibilità di estendere il controllo digitale della firma come già accade all’ospedale Ruggi di Aragona a Salerno”. E’ l’annuncio del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a margine della conferenza stampa per la presentazione delle due aperture a Città della Scienza di Corporea e del Planetario che saranno inaugurati sabato 4 marzo, commentando le indagini sugli assenteisti del Loreto Mare.

 

De Luca: “Superare modo di lavorare improntato al lassismo”

“Si dovrà poi pensare ad un protocollo di intesa con i carabinieri dei Nas, per farci accompagnare in un’attività di controllo sulle presenze effettive. Infine, dovranno avere responsabilizzazioni personali anche i funzionari nel controllo delle presenze. Può anche accadere che firmi e ti allontani, ma bisogna garantire la presenza durante la giornata e in orario di lavoro. Ci stiamo muovendo su una linea di assoluto rigore come abbiamo fatto in altre vicende”. Chiara la posizione del governatore sui 55 dipendenti del nosocomio napoletano ai domiciliari: “Dobbiamo superare – ha aggiunto – un modo di lavorare improntato al lassismo e all’idea che si e’ comunque protetti. Stiamo spiegando a tutti che la ricreazione è finita. Per quanto mi riguarda se saranno confermate le responsabilità degli arrestati considero questo episodio un atto di farabuttismo perché si violano le leggi, si offende la dignità di centinaia di medici e infermieri che danno l’anima per garantire i servizi ai cittadini e infine perché si sporca l’immagine di Napoli e questo è intollerabile perché non risponde alla realtà”. De Luca poi elogia il lavoro della dirigente del Pronto Soccorso del Cardarelli: “è una donna straordinaria che ha fatto un lavoro eccezionale con una dedizione che meriterebbe un riconoscimento. Dobbiamo liberarci di questi residui, ma un po’ alla volta ce la facciamo”. (AGV/NEWS).