De Laurentiis manda il Napoli in ritiro, ma Ancelotti non è d’accordo

Le parole dell’allenatore durante la conferenza stampa alla vigilia del match Champions contro il Salisburgo.

Il tecnico del Napoli rivela di essere contrario alla scelta del presidente De Laurentiis.

“La squadra sara’ in ritiro fino a domenica. Ancelotti e’ un grande allenatore, il problema va riscontrato nel lavoro del gruppo. I giocatori devono trovare motivazioni non solo contro il Liverpool, serve amalgama”. E’ questo il pensiero di Aurelio De Laurentiis alla vigilia della sfida di Champions contro il Salisburgo, ai microfoni di “Kiss Kiss Napoli”. “Stiamo soffrendo la mancanza di alcune pedine nel periodo di Dimaro – prosegue – Non e’ un ritiro punitivo ma costruttivo. Non sono preoccupato dai nostri 18 punti in classifica, basta vincere 4-5 partite per recuperare. Questa squadra puo’ ancora dire molto”. Anche per questo “non c’e’ bisogno di intervenire nel ruolo di terzino. Abbiamo giocatori che possono anche adattarsi in quel ruolo oltre ai terzini gia’ in rosa. I due rigori presi contro la Roma denotano poca concentrazione – aggiunge De Laurentiis – Detto cio’ non dimentichiamo i tanti piccoli infortuni che ci stanno colpendo ma capitano a tutte le squadre”.

“Gli arbitri devono essere gestiti dalla Lega. Dovrebbero essere tutti giovani e stranieri. Ben pagati. Dopo tre errori gravi dovrebbero essere allontanati”. E’ questa la proposta di Aurelio De Laurentiis, presidente dei partenopei, ai microfoni di Kiss Kiss Napoli dopo le recenti polemiche arbitrali.

Le parole di Ancelotti.

“La società ha preso questa decisione e noi la accettiamo. Però, se mi chiedete se sono d’accordo, dico di no. Se cambia qualcosa nel mio rapporto col presidente? Non scherziamo, queste sono cose futili, pochi minuti fa De Laurentiis mi ha chiamato per farmi gli auguri per San Carlo, oggi è il mio onomastico”. Arriva a stretto giro la risposta di Carlo Ancelotti ad Aurelio De Laurentiis che ha deciso per il ritiro fino a Domenica della squadra. La gara di domani sera contro il Salisburgo è l’unico motivo presente nei pensieri dell’allenatore anche se un passaggio sulla sconfitta di Roma l’ha fatto comunque. “All’Olimpico il nostro gioco si è abbassato molto e non abbiamo avuto il controllo della partita. La gara di Roma è stata fallita ma con Spal e Atalanta non è stato così. Ci sono state prestazioni non corroborate dai risultati. I risultati di questo periodo non ci accontentano, abbiamo colpito molto pali, poi abbiamo pagato a caro prezzo alcune situazioni. Domani è una storia diversa dove c`è una grandissima opportunità: riportare il Napoli agli ottavi dove merita di essere”. La notizia del giorno per Ancelotti è che “domani abbiamo una partita importante che ci può far passare il girone di Champions. Abbiamo già toccato con mano quanto è difficile giocare col Salisburgo. Tutto il resto sono dettagli. In questo momento manca la continuità, abbiamo raggiunto alti livelli di gioco che però non riusciamo a mantenere. Se riusciamo a tenere livelli alti di intensità abbiamo margini più alti di vittoria”.

Su Balotelli “ha fatto bene, ha avuto una reazione giusta. Questa è la strada giusta”. Chiusura sulla Var: “Utilizzo della Var? Sì, siamo in un momento di confusione, ma non ne voglio più parlare”, ha detto Ancelotti che ha voluto rasserenare i tifosi. “I tifosi del Napoli hanno sempre mostrato passione, domani sarà fondamentale. Difficilmente al San Paolo sono state sbagliate, fatto salvo col Cagliari dove comunque la squadra era intensa, ha concluso l’allenatore del Napoli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *