Davide Bifolco: Processo rinviato al 19 novembre

Davide Bifolco, sconto di pena per il carabiniere. Il padre: “Tutto falsato”

Sconto di pena in Appello per il carabiniere imputato per l’omicidio del 17enne Davide Bifolco, ucciso da un colpo d’arma da fuoco esploso accidentalmente

Sconto di pena in Appello per il carabiniere Gianni Macchiarolo, imputato per l’omicidio del 17enne Davide Bifolco, ucciso da un colpo d’arma da fuoco esploso accidentalmente

Parla con rabbia e dolore il padre di Davide Bifolco, il ragazzo di 17 anni ucciso da un colpo di arma da fuoco esploso accidentalmente, il 5 settembre del 2014, nel Rione Traiano di Napoli dalla pistola d’ordinanza del carabiniere Gianni Macchiarolo.

E’ stato un omicidio volontario e invece lo hanno giudicato colposo, gli hanno dato il massimo della pena e adesso in Appello solo due anni. E’ tutto falsato, se questa è la giustizia italiana allora siamo rovinati: Davide è stato trattato così perché è figlio delle periferie.

Sconto di pena per il carabiniere imputato per l’omicidio di Davide Bifolco

Davide Bifolco, carabiniere condannato a 4 anni e 4 mesi. La madre: "Ti mangio il cuore"
Davide Bifolco

Nella giornata di ieri, la seconda sezione della Corte di Appello, ha ridotto la pena inflitta in primo grado all’imputato, da 4 anni e 4 mesi a 2 anni, una sentenza frutto di un concordato. In primo grado è stato stabilito che il colpo che uccise Davide Bifolco partì per errore: il carabiniere inciampò e nel perdere l’equilibrio partì il proiettile. Il militare non aveva inserito la sicura.

Ho perso un figlio di 16 anni senza un perché“, prosegue Gianni Bifolco che, rivolgendosi al militare aggiunge: “vorrei sapere mio figlio cosa ti ha fatto, non sei neanche venuto a chiedere scusa“. Ed è ancora con rabbia che il padre di Davide Bifolco commenta la sentenza di ieri: “Non andrà in carcere perché è un carabiniere, ma ha commesso un omicidio“, sottolinea. Per il padre di Davide Bifolco “le prove sono state inquinate, non hanno fatto le indagini come si deve – sottolinea – il nostro è stato un processo falsato“. E dopo la rabbia, a prendere il sopravvento è il dolore: “Davide mi manca tutti giorni, e quella notte e’ morta anche mia moglie, da quattro anni è nelle mani dei psicologi ma non riesce a superare questo grave lutto“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *