Criminalità, Michele Emiliano difende Bari: "La Puglia non è Napoli". Forgione: "Ipocrita, il Sud non ha bisogno di queste cose"

Criminalità, Michele Emiliano difende Bari: “La Puglia non è Napoli”. Forgione: “Ipocrita, il Sud non ha bisogno di queste cose”

Il Governatore della Puglia Michele Emiliano, durante “L’aria che tira”, nel tentativo di difendere la Regione, ha tirato in ballo Napoli nel modo peggiore

Il Governatore della Puglia Michele Emiliano, durante il finale della puntata del 23/02 de L’aria che tira, su LA7, nel tentativo di difendere tutta la Regione, ha utilizzato Napoli nella sua accezione più negativa, come termine di paragone figloa dei soliti cliché. Al termine di un servizio che mostrava l’elevato tasso di criminalità nel quartiere San Pio di Bari, ha così esordito: “Il servizio è completamente sconnesso dalla verità, perché gli autori del triplice omicidio di cui si è parlato sono stati immediatamente catturati. Noi ci siamo eccome. C’è la Regione, c’è il Comune, c’è la Questura, ci sono i magistrati. Cioè… la Puglia non è Napoli, e rappresentare Bari in quella maniera è un errore catastrofico. In quel quartiere nessuno si può permettere di commettere reati senza finire in galera regolarmente, perché è noto che gli uffici giudiziari della città di Bari e della Puglia reagiscono puntualmente”.

 

A rispondergli subito è stato Angelo Forgione, che, dalle pagine del suo sito, ha esposto tutto il suo sdegno.

“Punto 1: Il sistema giudiziario di Napoli non è diverso da quello di Bari, ed Emiliano non può insinuare che gli uffici giudiziari di Napoli e della Campania reagiscono diversamente e meno prontamente nei confronti di chi commette reati. Che poi lo Stato al Sud sia sostanzialmente assente è certo, ma Bari e Napoli sono entrambe meridionali. Irrispettoso!
Punto 2: Il tasso di omicidi di Napoli e Bari (per 100.000 abitanti) è pressoché identico. IlRapporto ISTAT 2015 (riferito ai dati 2013) dice che, circa gli omicidi volontari (tentati e consumati) nei grandi comuni, Napoli e Bari hanno gli stessi valori, e che nel quinquennio 2009-2013 Napoli ha visto migliorare la sua situazione mentre per Bari gli omicidi sono in aumento. Disinformato!
Punto 2: Rappresentare Bari (e Napoli) in maniera distorta, diffondendo la sensazione che tutta la città sia interessata da fenomeni di criminalità è sicuramente un errore, ma è davvero catastrofico, non per Bari ma per Napoli, tentare di migliorare la percezione della città pugliese attraverso la denigrazione di quella campana. Scorretto!
Punto 3: Emiliano, evidentemente, ha idea di quale catastrofe rappresenti per Napoli il perpetuo uso del suo nome in termini negativi, giorno dopo giorno, nelle emittenti nazionali, e perciò non vuole che questo accada per la sua città. Però poi violenta Napoli. Ipocrita!
Punto 4: Il fatto che vengano catturati degli assassini vuol dire che quegli assassini esistono, e quindi esiste un’emergenza sicurezza. La cattura segue il reato, non lo cancella. Sballato!”

“Dispiace davvero – ha concluso – vedere un politico d’impronta meridionalista, che legge libri meridionalisti, governatore di una regione del Sud, ex sindaco di un’importante città meridionale qual è Bari, fare la guerra dei poveri e infangare inopportunamente un’altra città del Sud, peraltro la più rappresentativa, quella di cui conosce bene la storia e i motivi del declino. Proprio colui che, più degli altri, ha sollecitato in passato una sinergia tra le amministrazioni meridionali da opporre alle politiche filosettentrionali”.

Tra i due c’è stato, infine, anche un botta e risposta tramite Twitter:

10570486_10153371046370423_2921439188689147185_n