Coronavirus, da Agropoli arrivano le mascherine in silicone

L’idea è venuta a un gruppo di giovani laureati di Agropoli che le hanno progettate e realizzate utilizzando silicone ipoallergenico

L’idea è venuta a un gruppo di giovani laureati di Agropoli che le hanno progettate e realizzate utilizzando silicone ipoallergenico

Mascherine in silicone contro il covid19: l’idea è venuta a un gruppo di giovani laureati di Agropoli, nel Salernitano, che hanno progettato e realizzato mascherine biomedicali utilizzando silicone ipoallergenico. A differenza di quelle tradizionali, hanno il grande vantaggio di essere praticamente eterne anche grazie al filtro intercambiabile, realizzato in “tessuto non tessuto“, che può essere cambiato al costo di 50 centesimi. La protezione è la stessa delle mascherine FFP2 ed FFP3.

La procedura di certificazione come dispositivo di classe I in accordo alla normativa CEE è già stata avviata. Inoltre si attende che venga inclusa nella lista dei dispositivi medici online. A produrle sono tre aziende venete. “E’ tutto made in Italy – spiega Stefano Cammarano, 22 anni, fresco laureato in ingegneria informatica all’Università di Salerno – Vogliamo contribuire alla ripresa del Paese, in tutta sicurezza”. Le mascherine, con 30 filtri, sono in commercio su www.cspitaly.it e costano 35 euro a pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *