Controlli antiterrorismo, a Pompei arriva il cane "Don"

Controlli antiterrorismo, a Pompei arriva il cane “Don”

Sale il livello di allerta e si intensificano i controlli antiterrorismo negli scavi archeologici e nel santuario di Pompei, dove è tornato il cane Don

Sale il livello di allerta e si intensificano i controlli antiterrorismo negli scavi archeologici e nel santuario di Pompei. Tra le antiche vestigia è ritornato il fiuto del pastore tedesco antiterrorismo del nucleo speciale dei carabinieri di Napoli. Il carabiniere a “quattro zampe” inviato a Pompei si chiama “Don”. “Bono”, invece, era il “collega” che 7 giorni fa perlustrò le domus a caccia di esplosivo.

 

Si intensificano i controlli antiterrorismo negli scavi archeologici e nel santuario di Pompei

Molta la sorpresa dei turisti che si sono avvicinati al pastore tedesco per fotografarlo e ringraziare i carabinieri che garantiscono la loro sicurezza in un momento di svago culturale. Dopo l’area archeologica, il lavoro di “Don” si è spinto fino al santuario della Beata Vergine del Santissimo Rosario. Altro obiettivo sensibile secondo la mappa di possibili attentati