Continua lo sciame sismico, ma sono pochi i danni. Pochi minuti fa ancora una scossa avvertita a Napoli

La terra trema ancora tra Campania e Molise

di Redazione

La terra trema ancora tra Campania e Molise. Dopo la forte scossa delle 18:08 che è stata avvertita distintamente in tutti i capoluoghi delle due regioni colpite, generando il panico anche a Napoli, i sismografi hanno registrato, fino alle 19, altre 7 scosse di assestamento di minore intensità. L’ultima si è verificata invece pochi minuti fa, alle 20.49 con magnitudo 3.7 della scala Richter ed epicentro sempre tra i monti del Matese.

In ogni caso un primo bilancio ha rilevato pochi danni tra Campania e Molise: a Piedimonte Matese, uno dei comuni più vicini all’epicentro, alcuni stabili sono risultati lesionati, ma nessuno è a rischio crollo.

Il terremoto di oggi è stato causato dallo stesso meccanismo alla base del recente sisma avvenuto a Gubbio, e a L’Aquila nel 2009″, ha spiegato il direttore del Centro Nazionale Terremoti dell’ Ingv, Alberto Michelini. “Il sisma è stato causato, ha proseguito l’esperto, dall’estensione dell’Appennino: come se il Tirreno si stesse allontanando dall’Adriatico, un fenomeno che fa parte della geodinamica dell’Appennino”.

Ecco cosa fare in caso di terremoto.

29 dicembre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *