La Commissione tributaria accoglie il ricorso di Maradona

Maradona blocca il Fisco Italiano: sospesa ogni azione di riscossione coattiva ai suoi danni

Anche il Collegio dei Giudici della 12′ Sezione della Commissione Tributaria di Napoli, dopo la sentenza favorevole del TAR e la prima sospensiva del pignoramento Equitalia  accoglie la richiesta di Diego Armando Maradona e sospende le pretese di pagamento dell’Agenzia delle Entrate e di Equitalia. Dopo la sospensione del pignoramento per milioni di euro contro Maradona, Diego vince anche il secondo ricorso cautelare presentato dall’Avvocato Angelo Pisani e quindi viene sospesa ogni procedura di riscossione esecutiva del fisco contro l’ex grande campione argentino.

Lottiamo per la vittoria della verità

Maradona fino ad oggi  non e’ mai stato condannato da nessun giudice per questa presunta violazione fiscale e ad ottobre , dopo 25 anni, si pronuncerà la giustizia  e tutti potranno conoscere l’unica verità”  commenta l’avvocato Pisani, dopo l’accoglimento dell’ultimo ricorso dei difensori del Pibe De Oro, composto, oltre che da Pisani, da Angelo Scala, Massimiliano Toriello e Enrico Carlomagno.

I giudici tributari  hanno ordinato la sospensione di ogni azione di riscossione e pretesa di pagamento del Fisco  a carico del “Pibe de oro” su un importo totale che ormai raggiunge la stratosferica cifra di 40 milioni di euro, in attesa della decisione nel merito della questione, che si avrà ad ottobre 2014.