Il commissariamento della Reggia di Caserta dialoga con il territorio

Con la Reggia di Caserta, in controtendenza con il modello Bagnoli, si avviano i lavori per un commissariamento permeabile con il territorio.

Nel solco dell’azione promozionale e di rilancio della Reggia di Caserta il Ministro per i Beni e le Attività culturali Dario Franceschini, il designato commissario architetto Ugo Soragni, e il primo cittadino di Caserta Pio del Gaudio, annunciano che l’Aeronautica militare e tutti gli enti presenti all’interno dei locali della reggia vanvitelliana saranno trasferiti in altri luoghi. Questo è solo una delle prime risoluzioni in favore delle attività di salvaguardia del monumento storico casertano.

Ieri l’incontro fissato per le 10:00 ha portato all’inizio di una serie di collaborazioni tra il commissariamento e la cittadinanza, dunque a una pianificazione del tutto in controtendenza con il modello Renzi per Bagnoli. Le parti sociali, l’amministrazione comunale, e i cittadini, parteciperanno attivamente alla ripresa del territorio a partire dal rilancio del più alto simbolo architettonico della sua civiltà.