Commissariamento di Bagnoli: Luigi de Magistris con De Luca spera di evitarlo

Commissariamento di Bagnoli: Luigi de Magistris con De Luca spera di evitarlo

Ora che non c’è più Stefano Caldoro, Luigi de Magistris spera di poter contare su Vincenzo De Luca, evitando il Commissariamento di Bagnoli.

Ora che Stefano Caldoro non è più lui il presidente della Regione, Luigi de Magistris tira un sospiro di sollievo e spera di poter lavorare con il neo eletto Vincenzo De Luca in maniera decisamente diversa, migliore, in quanto con l’ex governatore non c’era tutta questa sintonia, specialmente sul capitolo “Commissariamento di Bagnoli”, che oggi de Magistris spera di poter evitare grazie alle future mediazioni tra De Luca e il Governo.

Commissariamento di Bagnoli: “Caldoro il principale responsabile”

“C’è tanto da fare, abbiamo la possibilità di mettere in campo buone iniziative per le nostre genti”, afferma Luigi de Magistris sul nodo Commissariamento di Bagnoli. “Con De Luca – continua – dobbiamo costruire un bel rapporto, Bagnoli potrebbe essere uno dei punti su cui registrare un cambio di passo rispetto a quello che c’è stato con Caldoro, che è stato uno dei principali responsabili di quell’errore politico e di quella violazione costituzionale istituzionale dell’articolo 33 dello Sblocca Italia”.

Ora però tocca a De Luca muoversi e far vedere che un cambio c’è stato realmente, poiché sono stati i capitoli ancora da scrivere, non solo Bagnoli, bisogna lavorare anche su acqua, rifiuti, fondi europei e trasporti. I suoi propositi sono buoni, ma ora dalle parole bisogna passare ai fatti.