Commissariamento Bagnoli: Il 1 maggio in corteo per dire no

Commissariamento Bagnoli: Il 1 maggio in corteo per dire no

Il corteo degli attivisti del laboratorio politico Iskra, contro commissariamento Bagnoli, partirà alle 10 in via Nuova Agnano e si concluderà in assemblea

Sfileranno domani in corteo a Bagnoli, sotto lo slogan ‘Molto per cui lottare, poco da festeggiare’, gli attivisti del Laboratorio Politico Iskra. La mobilitazione, come annunciato ad Adnkronos, si snoderà attraverso un corteo di controinformazione per il quartiere, “contro il commissariamento, per una bonifica reale e un lavoro stabile e sicuro”, a partire dalle 10 in via Nuova Agnano.

 

Il corteo contro il commissariamento Bagnoli partirà alle 10 in via Nuova Agnano e si concluderà con un’assemblea in piazza Mare

Gli attivisti, che considerano “una provocazione l’annunciato corteo dell’Ugl domani sul nostro territorio”, già nelle scorse settimane avevano lanciato un messaggio chiaro: “Non consentiremo che altri soggetti facciano da apripista a chi da fuori chiama alla mobilitazione a Bagnoli a favore del commissariamento. Non abbiamo bisogno di sciacalli”. Il corteo si concluderà in piazza a Mare con un’assemblea. In quella occasione, annuncia all’agenzia di stampa Eduardo Sorge, attivista del laboratorio politico Iskra, “lanceremo la mobilitazione in vista della visita a Napoli di Renzi”, che il 16 maggio inaugurerà a piazza Municipio la nuova fermata della Metropolitana.

“E’ inaccettabile che Renzi venga a farsi bello in una città che soffre ogni giorno i tagli di spesa operati dal suo governo e da quelli precedenti – si legge sul sito del movimentoche stanno mandando a picco i servizi locali, a cominciare proprio dai trasporti pubblici”. Per questo, sostengono gli attivisti, “occorre organizzare una mobilitazione popolare”. “Dalla crisi non si esce chinando la testa – aggiungono – organizziamo la nostra rabbia e facciamoci sentire”.