Colli Aminei: ricominciano i lavori abusivi per costruire non si sa cosa

“Qualche mese fa avevano bloccato i lavori, perché abusivi. Ma oggi ai Colli Aminei si continua a costruire”. La denuncia di un cittadino a Road Tv Italia

Lo scorso febbraio gli abitanti dei Colli Aminei hanno visto spuntare, alla velocità dei funghi (poco più di un mese) ben 5 manufatti misteriosiuna sorta di capanni che si stagliavano lungo via Capodimonte, deturpando il panorama. 

A fine febbraio la Polizia Municipale, in seguito a un sopralluogo, chiuse il cantiere edile per irregolarità nelle carteDelle 5 Dia (denuncia inizio attività) che i titolari del cantiere avrebbero dovuto possedere, gli agenti della Municipale, sezione Antiabusivismo, ne trovarono solo una, che riguardava l’abbattimento e il rifacimento dei locali del manufatto più vistoso, quello che si erge sopra a tutti gli altri e che risulta ben visibile anche dalla strada, tanto da destare alcuni interrogativi in Consiglio Municipale sulla sua legittimità.

In ogni caso, il 28 febbraio scorso la Municipale bloccò i lavori allo stato di fatto. Oggi, dopo svariati mesi, quei lavori sono ricominciati. La denuncia arriva da un cittadino che scrive a Road Tv Italia, con tanto di foto, per denunciare lo “stato dell’arte” del misterioso cantiere. “Nelle ultime 24 ore sono iniziati i lavori per aprire un secondo varco abusivo nel muro di cinta di viale Colli Aminei, con relative scale. Possibile che nessuno veda? Possibile che nessuno intervenga?” si domanda il cittadino.

Ecco le foto “incriminate” di via Colli Aminei:

(continua a leggere dopo la gallery)

“Eppure” scrive l’autore della denuncia “i vigili hanno la loro postazione fissa proprio lì di fronte”. Forse i titolari del cantiere edile sono riusciti a recuperare tutti i documenti necessari per riavviare i lavori? È possibile; resta però il fatto che quei manufatti dalla destinazione d’uso misteriosa costituiscono un ingombro non indifferente, che spezza la continuità architettonica e paesaggistica della zona. E ai cittadini la cosa non piace.