Champions Napoli-Villareal 2-0

di Oscar De Simone

Stadio San Paolo tutto esaurito in ordine  di posti ed attesa interminabile per i tifosi del Napoli di tutto il mondo. Il popolo napoletano attendeva questo match da tempo, come un innamorato ha aspettato, 21 anni, la sua innamorata al primo appuntamento con i “genitori in casa” . Anche perché ci si è già incontrati con la Champions a Manchester ed è stato un buon conoscersi. Il punto con gli inglesi è stato un buon risultato, inaspettato e desiderato prima della partita, ma il minimo dopo l’evoluzione dell’incontro; i tre punti sono stati alla portata del Napoli.

Parte la musica della Champions, tutto lo stadio intona il motivetto “the champions” con l’emozione a percorrere il corpo di ogni tifoso e la pelle d’oca.

In campo 11 gladiatori: tra i pali De Santis, nella difesa a tre Cannavaro, Campagnaro, Aronica, sulle fasce Dossena e Zuniga (al posto dell’infortunato Maggio), a centrocampo Inler e Gargano ed il trio meraviglia Hamsik, Lavezzi e Cavani.

Il team di Mazzarri scende in campo, tra le grida e gli incitamenti di un martedì di festa, con il piglio giusto e deciso a far suo il match.

Dopo l’inizio contratto – con Aronica ammonito per fallo su Nilmar e Zapata che spara fuori all’11’ dopo la respinta su punizione di Rossi da 30 metri – è il Napoli a prendere le redini della partita.

Si inizia al 12′ con Lavezzi che con una botta da fuori, dopo un tiro di Cavani respinto dalla difesa spagnola, spara di poco alto. Ma dal 15′ in poi è l’apoteosi ed il sogno di ogni tifoso che si avvera. Lavezzi sulla fascia destra conquista palla, si libera dell’avversario e crossa al centro dove Hamsik, perso dal difensore ex udinese Zapata, tira al volo incrociando nell’angolo destro della porta: 1 a 0 per il Napoli, il San Paolo è una bolgia. Neanche il tempo di esultare che il Napoli è di nuovo in pressing sui portatori di palla del Villareal. Palla smistata dietro e male da Senna in direzione di Gonzales. Lavezzi piomba come un falco sul difensore, prende metri all’avversario e lo anticipa sul pallone. Il difensore in tackle lo stende in area, è rigore. Sul dischetto va Cavani che con precisione mette il pallone nell’angolo sinistro della porta con il portiere sulla destra. E’ 2-0 al 17′. Nel cielo fuochi d’artificio a festeggiare un risultato voluto e trovato dagli uomini di Mazzarri.

Reagisce il Villareal. Tra il 27′ ed il 28′, prima Dossena a salvare su Nilmar in scivolata ed ancora Nilmar a calciare debolmente verso la porta partenopea, raccoglie De Santis. Rispondono gli azzurri. Il portiere in anticipo su Cavani su lancio di Inler.

Prima palla gol per il Villareal al 31′. “Bellissimo assist di Cavani” che, nei suoi fantastici ritorni difensivi, nel cercare De Santis serve Nilmar che anticipa il portiere ma la palla termina fuori. Occasione sprecata per gli spagnoli.

Allo scadere ancora Villareal che spaventa il Napoli nella sua area ma Inler prima e la difesa poi liberano l’area. E’ Camunas, entrato al posto di Gonzales, a provarci ma in scivolata salva Campagnaro. Dopo un minuto di recupero termina il primo tempo con il Napoli sul 2-0, Monaco risponde: 2-0 per il Bayern sul Manchester City.

Il secondo tempo il Napoli controlla il match e riparte in contropiede. Un paio di chiare occasioni da gol in contropiede ma in entrambi i casi il Napoli spreca con Lavezzi e Cavani, che si infortuna leggermete alla caviglia destra. Al 57′ punizione dal limite per il Villareal ma la barriera napoletana respinge. Il pubblico tira un sospiro di sollievo. Al 70′ ci prova Zuniga su palla recuperata ma perde tempo e finisce per tirare contro il difensore spagnolo. Al  71′ entra Pandev per Cavani.

Al 77′ Salva Zuniga in anticipo su Nilmar dopo un azione perentoria di Zapata sulla destra dell’area di rigore, l’azioone continua ma il Villareal non ne approfitta.

Girandola di sostituzioni. Mascara per Hamsik e Santana per Lavezzi per il Napoli. Per gli spagnoli Mubarak e Perez per Senna e De Guzman.

Il Napoli controlla l’incontro e dopo serie B, C, A torna a vincere nel calcio che conta.

E’ ufficiale: prima vittoria del Napoli in Champions League con il sottomarino giallo che affonda nel catino del San Paolo e via tutti ad intonare le parole d’O surdate nnmurate, ma questa volte sulla musica della Champions……

Grazie azzurri

[youtube id=”up0WrFGQbY0″ width=”600″ height=”350″]

Giovanni Copertino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *