Catania-Milan 1-3: rossoneri nel segno del Faraone.

Legrottaglie spaventa il Milan ma un ritrovato Boateng e un super El Shaarawy regalano i tre punti alla squadra di Allegri.

Nell’anticipo della quindicesima giornata di Serie A, il Milan scende in campo con lo stesso duo d’attacco con cui ha battuto la Juventus una settimana fa, RobinhoEl Shaarawy. Parte abbastanza forte fin dall’inizio e prova a far male con i lanci di Montolivo per le punte e con le incursioni di Boateng che al 6′ impegna Andujar. A sorpresa però passa in vantaggio il Catania. Calcio d’angolo di Lodi, Acerbi è in ritardo, arriva Legrottaglie che di testa batte l’estremo difensore rossonero Amelia.

Il Catania prende coraggio e prova ancora a far male al Milan che di contro vorrebbe partire in contropiede ma non ci riesce grazie ad una difesa ben piazzata. Ci provano El Shaarawy e Nocerino con incursioni da dietro e inserimenti sui cross dalle fasce laterali. Anche Constant prova a servire i compagni ma con poco successo. Ma ormai sembra che il Milan abbia preso una marcia in più, nonostante non ci siano occasioni eclatanti.

Il primo tempo passa con occasioni da gol solo sfiroate ma mai nitide. Il secondo tempo invece regala un numero incredibile di emozioni. Si comincia al 49′ con Barrientos che si fa espellere in maniera stupida. Dopo aver preso un giallo per simulazione nei primi 45 minuti, il giocatore argentino scalcia Nocerino e si guadagna la seconda ammonizione. A questo punto il Mlan diventa ancora più aggressivo e crea una notevole quantità di palle gol.

Al 53′ è già tempo di pareggio. El Shaarawy raccoglie un cross di Boateng – oggi davvero ispirato – e batte Andujar, 1-1. Il gol è viziato da una posizione di fuorigioco della punta rossonera. Le polemiche non mancheranno, visto che il Catania sembra essere molto sfortunato in questi casi. Dopo gli episodi contro la Juventus, questa sera subisce il gol del pareggio in posizione irregolare.

Il Milan però legittima il pareggio con una prestazione davvero ottima, infatti dopo soli 3 minuti arriva anche il gol del sorpasso. Fa tutto Boateng, protegge palla, si gira e lascia partire un tiro dal limite dell’aria di rigore, niente da fare per Andujar. Nocerino al ’61 a tu per tu col portiere viene sbilanciato da Alvarez, per Orsato non è rigore. Anche questa sembra una decisione dubbia.

Al 67′ El Shaarawy sbaglia un gol a tu per tu con il portiere che manda in angolo. Sorte simile quella di Robinho che, lanciato a rete, sparacchia alto tutto solo davanti ad Andujar. La partita diventa nervosa dalla parte catanese e si affievolisce. Il Catania prova qualche assalto ma Acerbi e i suoi compagni di difesa mantengono inalterato il risultato. Al 90′ però c’è spazio per l’espulsione di Boateng per un fallo inutile a metà campo. Il ghanese rovina parzialmente la sua prestazione.

In tempo di recupero El Shaarawy mette il sigillo alla partita. Tiro a giro sul secondo palo e dodicesimo gol in campionato per il Faraone.
Il Milan trova la seconda vittoria consecutiva e si ritrova a 21 punti e fanno un bel balzo in avanti raggiungendo omentaneamente il settimo posto. Gli uomini di Maran invece raccolgono la seconda sconfitta consecutiva dopo lo stop contro il Palermo con il medesimo risultato.

Michele Longobardi

Punto dello Scarpitto sulla 15^ giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *