Castellammare, bomba carta davanti supermercato

Castellammare, bomba carta davanti supermercato

Forte esplosione nella notte a Castellammare. Bomba carta davanti un supermercato

Nessun ferito, ma tanta paura per l’esplosione di una bomba carta avvenuta ieri a Castellammare fuori il supermercato “Sole 365”. Alle 22:30 circa, in via Pietro Carrese, si è avvertito il forte scoppio, al seguito del quale, la struttura, aperta circa un mese fa, è stata fortemente danneggiata. L’esplosione, che sarebbe avvenuta in corrispondenza di una vetrina laterale, ha, come conseguenza del boato generato, fatto esplodere anche alcuni vetri degli appartamenti dei palazzi e di tre auto circostanti. I primi a giungere sul posto, hanno raccontato di una scena quasi da film, con auto danneggiate, vetri a terra e persino il portone di un palazzo ad aver subito le conseguenze dello scoppio. I vigili del fuoco e i carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia, diretti dal capitano Gianpaolo Greco, sono subito intervenuti per transennare l’area. Osservando l’andamento e le modalità, tutto porta a pensare che tra le ipotesi, quella più accreditata possa essere la matrice estorsiva. Si saprà, ovviamente, di più, dopo le prime indagini. Ma non è la prima volta, anche in tempi recenti, che accade una situazione simile. Poco più di un anno fa, all’ingresso di un altro supermercato, questa volta nel rione Cicerone, fu fatta esplodere una bomba carta, danneggiando anche le auto antistanti l’edificio stesso.

Castellammare, l’ombra del racket su bomba carta davanti Supermercato

A parlare, tra i primi, il Sindaco di Castellammare, Nicola Cuomo. “L’esplosione di una bomba carta avvenuta ieri sera a via Pietro Carrese dinanzi al supermercato di recente apertura sembra essere un evidente segno intimidatorio. Invito, pertanto, i proprietari dell’esercizio commerciale e chiunque avesse visto qualcosa, a collaborare ed avere fiducia nelle forze dell’ordine”. Più diretto Nello Di Nardo, segretario regionale dell’IdV. “Da quanto emerge dai primi accertamenti, ci troviamo di fronte alla recrudescenza di una criminalità agguerrita e pericolosa. Ma lo Stato non deve abbassare la guardia e schierarsi con forza maggiore dalla parte dei cittadini per debellare il cancro che devasta questa città”.