Napoli-Atalanta: conferenza stampa di Rafael Benitez (VIDEO)

di Eduardo Desiderio

Si è conclusa questo pomeriggio la conferenza stampa di Rafael Benitez, tecnico del Napoli, nel centro sportivo di Castel Volturno, in vista della gara di domani al San Paolo contro l’Atalanta.

Il tecnico si è mostrato, come sempre, sorridente e disponibile nel rispondere a tutte le domande dei giornalisti.

“Mi motiva lavorare ogni giorno con questa squadra perchè è una squadra che vuole vincere e sentire il calore  dei tifosi“, è stata questa la frase di esordio del tecnico partenopeo. “Con le nazionali tanti calciatori sono stati fuori, qui a Napoli invece i ragazzi hanno fatto allenamenti al massimo livello“.

Tutti possono giocare, purchè la condizione fisica sia dellle migliori: “Bisogna dare l’opportunità a tutti di giocare, ma chi gioca bene non significa che deve giocare sempre. Se non si lavora con impegno è un brutto segnale, se si fa quello che si deve fare alla fine giocheranno tutti”.

Hamsik potrebbe riposare? “A questo livello, giocando ogni partita tre giorni a settimana, si deve cambiare, altrimenti si rischia di arrivare l’ultimo mese fuori forma. Si può cambiare sempre e tutti devono riposare, sia Higuian che Hamsik o Pandev, Insigne e Callejon“.

Potrebbe essere questo l’anno dello scudetto? “Ogni vittoria da tre punti ma non si vince adesso, bisogna lavorare di settimana in settimana e migliorare, senza avere paura di essere al vertice della classifica. In allenamento ho visto una squadra che, se fa le cose per bene, può lottare fino in fondo. Le somme, però, si tireranno alla fine”.

Pepe Reina ha dichiarato che potenzialmente il Napoli può centrare obiettivi importanti, essendo una squadra molto simile al primo Liverpool di Benitez: “Tante cose sono simii al Liverpool, ma bisogna affrontare partita dopo partita. Si può arrrivare a fare un buon campionato perché la voglia di vincere c’è”.

Cannavaro giocherà contro l’Atalanta? Paolo, così come Uvini, Fernandez e Britos lavora bene, ma non posso dire chi giocherà”.

In merito al nuovo arrivato, Duvan Zapata: “Zapata ha capito già tutto velocemente, è arrivato da un altro paese ma si è integrato appieno. Fisicamente deve lavorare perché i viaggi gli hanno fatto perdere condizione fisica. E’ giovane e farà bene”.

Il Borussia è alle porte: “I ragazzi sanno che devono pensare prima a questa partita e fare bene, sia sotto il profilo dell’ atteggiamento che quello dell’ impegno, poi possono pensare al Borussia. Per giocare 44 gare bisogna essere attenti ogni partita”.

Mertens può essere un vice Hamsik o soltanto un esterno di sinistra come Insigne? “Mertens è un giocatore di qualità e gioca come Lorenzo, a sinistra, ha tiro e intelligenza tattica. Può giocare come tanti altri”.

Cosa teme di più dell’Atalanta? “In Italia ogni squadra cambia modulo continuamente. Per me non è un problema il modulo ma l’Atalanta è una squadra forte, ha esperienza e in attacco può fare gol in qualsiasi momento. Non posso dire di avere paura di qualcuno o qualcosa, ma la cosa più importante è la nostra squadra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *