Arrestato latitante clan Muzzoni: in manette Vincenzo Gallo

Casoria. Pestato perché non vuole partecipare a una rapina

35enne pestato, accoltellato e sparato, a Casoria durante l’ingaggio per un furto a Napoli. Arrestati il 40enne e il 28enne aggressori.

Successivamente l’esperienza annuale di detenzione domiciliare un 35enne di Casoria, appena scarcerato per reati contro il patrimonio, si rifiuta di partecipare a una rapina e viene bastonato, accoltellato e sparato, da due uomini residenti a Napoli. Attualmente è ricoverato all’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli ma non riversa in condizioni gravi e i due aggressori sono stati fermati per tentato omicidio dai carabinieri.
I soggetti incriminati C. R. di 40 anni e M. V. di 28, sono già schedati dalle polizie giudiziarie e sono stati fermati successivamente al momento della seconda serie di spari (di cui la prima è stata verso le 20:45) verso le ore 1:30 di questa mattina a via Arpino. In base alle testimonianze gli eventi si sono svolti nel seguente modo: i due aggressori hanno proposto al 35enne di partecipare a un furto in un’attività cinese. In seguito al rifiuto della vittima è seguito un litigio, prima verbale poi fisico, a cui sono seguite vergate alla testa, tre accoltellamenti a entrambi gli arti inferiori e superiori.
Il malcapitato una volta rifugiatosi in casa è stato convinto ad uscire fuori dove è stato raggiunto dai colpi di una pistola semiautomatica, di cui tre hanno raggiunto la gamba sinistra.
A sparare è stato il 40enne su uno scooter guidato dal più giovane. Entrambi dopo la fuga sono stati arrestati in un deposito a via Ischia e condotti al Carcere di Poggioreale.