Il caso Edenlandia: sit-in e proteste dei lavoratori e della Uilcom all’ingresso del parco (VIDEO)

Caso Edenlandia: sit-in dei lavoratori all’entrata del parco giochi: “Siamo stanchi! L’Edenladia deve riaprire!”

Questo pomeriggio, 7 luglio, i lavoratori dell’Edenlandia, affiancati dalla Uilcom, hanno presidiato l’ingresso del parco giochi dalle ore 15.00 alle 17 per protestare e chiedere come mai la struttura non viene ancora aperta. L’Edenlandia è chiusa ormai da diversi mesi a causa del fallimento della società Parks & Leisure che amministrava anche lo Zoo, che da poco tempo è stato riaperto. Ora tocca al parco giochi riaprire i battenti.

“Bisogna restituire il parco alla città!”

Massimo Taglialatela, segretario generale dell’organizzazione in Campania, insiste sulla questione: “L’Edenlandia ha fatto la storia dei parchi gioco in Italia, è giusto che venga restituita alla città“. Durante il sit-in, Taglialatela e i lavoratori dell’Edenlandia hanno incontrato Rea, il presidente della Mostra D’Oltremare, per riuscire ad arrivare finalmente ad un accordo definitivo.

“Siamo stufi di questa situazione!”

Questo è quello che i lavoratori dell’Edenlandia, ormai in cassa-integrazione dal 2012, hanno detto ai nostri microfoni. Da due anni sono in balia della burocrazia che rallenta l’apertura del parco giochi e sono ormai stanchi. Ecco cosa ci hanno detto.