Per depurare i pozzi dall'acqua all'arsenico ci vogliano due milioni di euro. Purtroppo l'amministrazione comunale di Caserta ne può spendere solo 700 mila.

Caserta, acqua all’arsenico: non ci sono i soldi per ripulire tutti i pozzi

Per depurare i pozzi dall’acqua all’arsenico ci vogliano due milioni di euro. Purtroppo l’amministrazione comunale di Caserta ne può spendere solo 700 mila.

La denuncia dei cittadini all’amministrazione comunale di Caserta fu fatta otto mesi fa, nel mese di febbraio, ad oggi però ancora nessuna soluzione è stata messa in atto per il problema dell’acqua all’arsenico. Un problema non da poco che continua ad allarmare le persone. Si era così deciso di depurare i pozzi, più precisamente erano sei gli impianti da depurare, due di Sessa centro e quattro nelle frazioni di San Castrese. Ma nulla ancora è stato fatto, mancano i soldi.

Caserta, acqua all’arsenico: solo due pozzi saranno depurati (forse)

Il costo totale dell’operazione di depurazione dei sei pozzi è di due milioni di euro, ma l’amministrazione al momento ne possiede solo 700 mila, ciò significa che sarà possibile, al momento, intervenire solo su due pozzi. Ora il problema è quali pozzi saranno scelti? Una scelta non facile che la squadra del sindaco Tommasino potrebbe lasciare alla nuova amministrazione quando in primavera di saranno le elezioni. E intanto l’acqua all’arsenico resta.