Casa Massimo Troisi, la scuola per i nuovi talenti

Casa Massimo Troisi, la scuola per i nuovi talenti

A San Giorgio a Cremano apre la Casa Massimo Troisi, la scuola per i nuovi talenti teatrali e il luogo della memoria dedicata al buon attore e regista. Luigi Troisi, fratello di Massimo, sarà il curatore del laboratorio artistico.

La memoria non è un archivio, ma ha bisogno di rimuovere e ritenere, protendere e dimenticare, rammemorare ed esprimere. Per tutto questo a San Giorgio a Cremano, cittadina alle pendici del Vesuvio, si continua ad allenarla e a mantenerla produttiva con l’avvio di una nuova iniziativa collettiva “in memoria” di uno dei suoi più cari e grandi figli: l’attore e regista Massimo Troisi.

A San Giorgio a Cremano si apre Casa Massimo Troisi

L’iniziativa è quella dell’apertura di Casa Massimo Troisi al cuore della cultura vesuviana e cioè nelle storiche stanze di uno dei palazzi più belli del Miglio d’oro,Villa Bruno. Ad averlo sentitamente annunciato è il primo cittadino di San Giorgio a Cremano Mimmo Giorgiano, il quale, con la collaborazione di uno degli assessorati alla cultura più attivi del Vesuviano (quello del vicesindaco Giorgio Zinno), è riuscito a rinsaldare il legame dei cittadini con Massimo Troisi grazie all’apertura di un laboratorio teatrale stabile, finalizzato alla formazione dei nuovi talenti.

Casa Massimo Troisi sarà memoria attiva per le nuove generazioni di talento

La giunta comunale ha recentemente approvato una delibera attraverso la quale concede una serie di spazi all’interno del Palazzo della Cultura vesuviana (Villa Bruno), identificato con il nome di Casa Massimo Troisi, all’Associazione teatrale a cura di Luigi Troisi. Il fratello di Massimo, Gigi Troisi, si preoccuperà, insieme alle giovani generazioni della città, di tenere concretamente e produttivamente viva la memoria di Massimo Troisi, creando dei luoghi eletti alle arti drammatiche. Luigi Troisi si occuperà direttamente della formazione delle giovani leve, per poter portare a frutto i talenti artistici.

Leggi anche: Il capolavoro di Massimo Troisi “Non ci resta che piangere” torna al cinema 

Ha dichiarato il primo cittadino Giorgiano, “Massimo Troisi è un patrimonio per la nostra città e, per questo motivo, abbiamo voluto mettere in campo una nuova azione per ricordarlo nel migliore dei modi. Abbiamo deciso di sostenere il progetto del fratello di Massimo, che siamo certi saprà trasmettere al meglio i valori di cui il nostro amato artista si faceva portatore“.