Carlo di Borbone e i fatti di Parigi: "Era una sera di festa ed è diventata una notte di sangue"

Carlo di Borbone e i fatti di Parigi: “Era una sera di festa ed è diventata una notte di sangue”

In un’intervista al Corriere del Mezzogiorno Carlo di Borbone racconta il suo intervento per scortare donne e bambini dallo stadio a un campo base sicuro.

In un’intervista al Corriere del Mezzogiorno Carlo di Borbone racconta la sua esperienza nei terribili momenti di venerdì sera a Parigi.

Carlo di Borbone delle Due Sicilie era infatti allo stadio insieme con una delegazione dell’ambasciata tedesca.

Abbiamo sentito, durante la partita, fortissime detonazioni. Ma inizialmente non avevamo compreso cosa stesse accadendo. Potevano essere petardi, abbiamo pensato. Poi, più tardi, è diventato tutto drammaticamente chiaro. Era una sera di festa e di sport. Ed è diventata una notte di sangue“.

 Il racconto di Carlo di Borbone

Carlo di Borbone ha raccontato al Corriere il suo intervento per mettere in salvo i presenti.

Io ero insieme con il generale David Galtier, responsabile della gendarmeria francese per il Sud del Paese” – spiega – “Ho pensato che si doveva agire. E mi sono messo a disposizione di Galtier“.

Così è stato formato un cordone che potesse scortare donne e bambini dallo stadio fino a un campo base della gendarmeria, allestito presso un hotel ritenuto sicuro.

C’era bisogno dell’aiuto di tutti. Ho dato la mia disponibilità.” – ha affermato Carlo di Borbone – “Abbiamo condotto in salvo il nostro gruppo. Lo abbiamo messo al sicuro nei saloni del Novotel. Sono rimasto con loro fino all’alba.