Canottieri al via la stagione 2014/2015 (VIDEO)

I giallorossi presentati al Molosiglio

Fate voi quello che abbiamo fatto noi”. Il sentito augurio del past president Carlo Del Gaudio alla squadra per la stagione 2014-2015.  Dopo la presentazione della Carpisa Yamamay Acquachiara (26 settembre), del DOOA Posillipo (1 ottobre), è toccato alla Canottieri il 9 ottobre. Cento anni di storia futura recita lo slogan scelto sapientemente al Molosiglio. Il passato, il presente, l’avvenire. Senza porsi limiti. Non più sconosciute matricole nel campionato di A1, ormai le calottine giallorosse sono una felice realtà, una certezza dell’universo pallanuotistico italiano. “Con il desiderio e la consapevolezza di poter far bene contro chiunque” scandisce un entusiasta presidente Edoardo Sabbatino.

Già tanti obiettivi raggiungi. Il ritorno nella massima serie, i festeggiamenti del centenario e l’aver riportato in squadra quelli che erano andati via, partendo dal capitano Fabrizio (Fofò) Buonocore, Giuliano Mattiello, Luigi Di Costanzo e Massimiliano Migliaccio, nuovi innesti solo sulla carta. Una formazione, allenata da Paolo Zizza, di “soli” napoletani, come ha scherzato Lino D’Angiò nella conference press nel suggestivo Salone dei Trofei. “Straniero” ma ormai non più il colosso di Carpi, il centroboa Fabio Baraldi, da poco in veste anche di imprenditore-sostenitore in vasca e fuori della sua compagine.

Presenti l’Assessore comunale alle politiche giovanili Alessandra Clemente e l’Assessore regionale con delega allo sport Luciano Schifone, nonché il vicepresidente amministrativo Vittorio Lemmo e il vicepresidente sportivo Davide Tizzano. Il numero uno giallorosso ha annunciato due novità: l’imminente firma di un protocollo d’intesa con il Coni per l’erogazione di 31 milioni di euro di fondi europei per l’impiantistica sportiva in Campania e la gestione della piscina di Ponticelli, per alimentare il vivaio e far crescere i giovani.

Vogliamo fare sempre meglio” . Paolo Trapanese, storico portiere olimpico giallorosso, attuale presidente della Fin Campania e al contempo appassionato consigliere del Sodalizio partenopeo, guarda con fiducia l’orizzonte. Il suo un fondato auspicio di “continuare a perseguire le eccellenze e proseguire a puntare sui giovani in un percorso di crescita continua”. “La Canottieri c’era, c’è, ci sarà”.