Camorra stese

Paura a Napoli, tre “stese” di camorra in meno di 24 ore

I clan tornano a far fuoco in città: a Secondigliano l’obiettivo del raid è stata la sede dell’emittente radiofonica del cantante neomelodico Tony Colombo

Camorra stese tornano a far paura in città, dove si sono verificati ben tre episodi a pochissima distanza l’uno dall’altro: a Secondigliano l’obiettivo del raid è stata la sede dell’emittente radiofonica del cantante neomelodico Tony Colombo.

Camorra stese | Hanno sparato contro la porta a vetri della palazzina che ospita la sua emittente radiofonica, ma ai Carabinieri ha detto che non ne sa nulla e non ha idea del movente. Il probabile atto intimidatorio potrebbe essere rivolto contro Tony Colombo, cantante neomelodico di Napoli, che ha una relazione affettuosa con la vedova di un boss di camorra (Gaetano Marino) ucciso fuori regione pochi anni fa. Una relazione di cui da’ segni tangibili inviandole messaggi e baci via etere. Ieri sera qualcuno ha sparato una ventina di colpi di pistola contro la vetrata al piano terra in via Tagliamonte dove ha sede la radio libera, nel quartiere di Secondigliano. Ma subito gli ignoti si sono affrettati a cancellare ogni traccia del fatto e a coprire i fori sul vetro con fogli di carta da giornale. Un particolare che pero’ non e’ sfuggito ai militari dell’Arma che hanno sentito Colombo. Le indagini sono in corso.

Si torna a sparare anche ai Quartieri Spagnoli e nella zona della Torretta

La notte tra mercoledì e giovedì, invece, i killer hanno fatto fuoco in due parti differenti della citta’. Ai Quartieri Spagnoli dove hanno esploso colpi di pistola in vico Giardinetto, contro un garage. Le forze dell’ordine hanno raccolto diverse testimonianze, comprese le dichiarazioni del titolare dell’autorimessa che ha escluso di essere stato vittima di richieste estorsive. Un’altra “stesa” e’ avvenuta nella zona della Torretta, in vico San Guido dove sono stati trovati cinque colpi esplosi contro un appartamento a piano terra. Si ipotizza come movente i contrasti nel mondo della droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *