Camorra ai Quartieri Spagnoli: 9 arresti per 5 omicidi

Nuovi dettagli emergono nell’ambito delle indagini sulla faida di camorra ai Quartieri Spagnoli: emesse 9 ordinanze di custodia cautelare per 5 omicidi

La faida di camorra ai Quartieri Spagnoli, consumatasi tra la fine degli anni ’90 e i primi anni del 2000, si arricchisce di un nuovo capitolo con le 9 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dalla polizia di Stato in relazione a 5 omicidi commessi tra il 1999 e il 2006.

Faida di camorra ai Quartieri Spagnoli: emergono nuovi particolari

I destinatari del provvedimento sono 9 esponenti di due clan camorristici egemoni nei Quartieri Spagnoli, nel cuore del centro storico di Napoli, che all’epoca si contendevano il controllo degli affari illeciti della zona. Si tratta dei clan Di Biasi e Russo: le indagini hanno permesso agli uomini della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli di gettare nuova luce su 5 omicidi commessi da membri di entrambi i clan durante la sanguinosa faida che si consumò in quegli anni.

Arrestate 9 persone nell’ambito delle indagini su 5 omicidi di camorra

Le 9 ordinanze di custodia cautelare sono state emesse in relazione agli omicidi di 5 esponenti dell’uno o dell’altro clan, uccisi proprio nell’ambito della faida: Domenico Russo, detto “Mimì dei cani”, ucciso a Napoli nel gennaio 1999, e suo figlio Ciro Russo, ucciso quasi 5 anni dopo a Boscoreale, nel dicembre 2003; Francesco Di Biasi, ucciso nell’aprile 1999 a Napoli. Antonio Cardillo, ucciso il 1° agosto 2005, e Raffaele Esposito, assassinato nel settembre 2006.

La storia della “terza faida” dei Quartieri Spagnoli

Fu la guerra combattuta tra il clan Di Biasi, rimasto quello dominante ai Quartieri Spagnoli dopo la caduta dei Mariano, e il clan Russo, che tentò la scalata al potere tra il 1999 e il 2006. Durante la faida rimasero uccisi i due capiclan, Domenico Russo, detto Mimì dei Cani, e Francesco Di Biasi. Oggi, dopo la caduta dei clan Di Biasi e Russo, sterminatisi a vicenda, il clan Mariano è tornato nuovamente al potere nei Quartieri Spagnoli, dopo un periodo caratterizzato dall’egemonia dei Ricci, capitanati da Enrico Ricci e alleati dei Sarno di Ponticelli.

Leggi Anche: Dia, la nuova mappa delle famiglie criminali a Napoli