Camorra: 18enne ucciso per relazione con moglie del capo clan

Camorra: 3 ordinanze di custodia cautelare eseguite nel quadro delle indagini sull’omicidio del 18enne Vincenzo Amendola, avvenuto il 5 febbraio 2016

Tre ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite dalla Squadra Mobile di Napoli nel quadro delle indagini sull’omicidio del 18 enne Vincenzo Amendola, avvenuto la sera del 5 febbraio 2016 in un terreno al Viale 2 giugno nel quartiere San Giovanni a Teduccio, periferia orientale di Napoli. Si tratta di Giovanni Tabasco, 22 anni, Raffaele Morra, 33, e Gaetano Formicola, 22, figlio del boss Antonio Formicola.

 

Camorra: omicidio maturato nell’ambito del clan Formicola

L’omicidio – secondo quanto emerso dalle indagini della Dda, che si è giovata di intercettazioni e delle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia – maturò nell’ambito del clan camorristico Formicola, attivo nella zona orientale di Napoli, con il quale Vincenzo Amendola aveva rapporti di frequentazione. Il 18 enne fu ucciso perché sospettato di aver intrecciato una relazione con la moglie del capo clan, attualmente detenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *