Calciomercato, è game over. Il Napoli ne esce rinforzato, che sia l’anno buono?

È terminato ufficialmente il mercato invernale. Gli azzurri si sono portati a casa un difensore, due centrocampisti ed un attaccante, rinforzando una rosa già molto competitiva. La squadra di Mazzarri, ora più che mai, è da scudetto?

Quella che da poco è andata agli archivi è stata una delle migliori sessioni di mercato del Napoli targato De Laurentiis. Sicuramente la migliore, considerando solo quelle di gennaio. Gli azzurri si sono mossi bene, mettendo a disposizione di Mazzarri alternative valide a quei dodici-tredici titolarissimi.

L’acquisto di Rolando in difesa, assicura grande fisicità e buona tecnica, oltre che ad una buona dose di esperienza internazionale, che non guasta mai. Tuttavia l’ex Porto, in rotta col vecchio club, dovrà essere recuperato sul piano fisico, visto che fin qui ha giocato poco.

Armero assicura un ricambio di spessore sulle corsie esterne. Con Maggio e Zuniga forma un pacchetto d’esterni invidiabile. Il giovane Radosevic rappresenta invece il futuro. Speriamo roseo. Nell’immediato dovrebbe però trovare poco spazio, conoscendo l’allenatore.

In attacco l’arrivo di Calaiò permette al tecnico di ritrovarsi un vice-Cavani affidabile, anche se con caratteristiche diverse dal Matador, e soprattutto un giocatore molto utile nei finali di partita.

Insomma, un Napoli che si è mosso in maniera intelligente e oculata.

Da tifoso, però, mi chiedo se De Laurentiis e Bigon abbiano fatto il massimo. Con un piccolo sforzo in più non si poteva migliorare ulteriormente la squadra?

Penso, ad esempio, all’acquisto di un centrale di centrocampo. A Inler, Behrami e Dzemaili non si sarebbe potuto affiancare un giocatore di maggior livello rispetto a Donadel, che fino ad ora ha fatto davvero poco?

Il mio pensiero corre a tre anni fa, quando quasi inaspettatamente gli azzurri si ritrovarono a giocarsi il campionato con Milan e Inter. Allora si decise di intervenire poco (e male) a gennaio, mentre le milanesi si rafforzarono. Molto probabilmente non avremmo vinto comunque, ma bisognava provarci fino in fondo.

Quest’anno invece sembra che la dirigenza creda fortemente alla possibilità di fare il colpaccio. La Juve è a un passo, per di più in grossa crisi di risultati. Sognare non costa nulla, ma l’impressione è che si possa sperare in qualcosa di più. Poi, come sempre, sarà il campo a parlare.

Quindi dove può arrivare questo Napoli? Poteva arrivare qualche altro giocatore o la squadra è a posto così?

DITE LA VOSTRA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *