Calcetto davanti al Comune di Napoli, minori: dateci campi veri

L’iniziativa dei bambini dello Spartak San Gennaro, squadra di calcio che coinvolge i minori dei quartieri a rischio, davanti al Comune di Napoli 

L’iniziativa dei bambini dello Spartak San Gennaro,  squadra di calcio popolare la cui missione è coinvolgere in attività sportive i minori dei quartieri a rischio della città, davanti al Comune di Napoli

Piazza Municipio, sede del Comune di Napoli, trasformata per un giorno in un campo di calcetto. E’ l’originale iniziativa dei bambini dello Spartak San Gennaro, squadra di calcio popolare la cui missione e’ coinvolgere in attivita’ sportive e di aggregazione i minori dei quartieri a rischio della citta’. Sul selciato uno striscione ‘Ne’ promesse, ne’ parole, ma campi per giocare a pallone‘. Due piccole porte piantate proprio dinanzi il passo carraio del Comune e via a giocare, cinque contro cinque, tutti under 14, fratinati verdi contro quelli con la casacca blu, proprio mentre all’interno del palazzo comunale andava in scena un altro incontro quello con gli assessori competenti, Ciro Borriello (Sport) e Roberta Gaeta (Welfare), dal quale e’ emersa la concessione allo Spartak San Gennaro dell’utilizzo di quattro impianti (tre di calcio ed uno di calcetto).

 

Campi da calcetto per i bambini dello Spartak San Gennaro

Vorremmo sempre farli giocare su veri campi – ha detto uno dei promotori mentre i bambini si esibivano sotto gli occhi di passanti incuriositi e dei vigili urbani a guardia del Municipio – ma con quello che raccogliamo con collette e iniziative di sostegno, non riusciamo a pagare i fitti dei campi“. La squadra fondata da pochi mesi ha gia’ coinvolto piu’ di 50 minori. “Ora con i campi – si augura – potremmo toglierne dalla strada molti di piu’“. Prossimo acquisto del vostro calciomercato? “Piu’ che un giocatore – conclude – a noi servirebbe un pulmino e chissa’ se con tutti questi milioni di cui si parla sui giornali per gli ingaggi qualcuno non potrebbe anche pensare ai nostri bambini“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *