Caivano, sul piccolo Antonio Giglio ora si indaga per omicidio volontario

Caivano, sul piccolo Antonio Giglio ora si indaga per omicidio volontario

E’ cambiato da omicidio colposo a omicidio volontario il reato ​per il quale si indaga sulla morte di Antonio Giglio, il bimbo di 4 anni morto a Caivano

E’ cambiato da omicidio colposo a omicidio volontario il reato ​per il quale indaga la Procura​ di Napoli Nord, che ha aperto un fascicolo​ sulla morte di Antonio Giglio, il bimbo di 4 anni morto il 27 aprile 2013 dopo essere caduto dal settimo piano del palazzo del Parco Verde di Caivano ​nel quale viveva anche Fortuna Loffredo​, morta​ poco più di un anno dopo. Per l’omicidio della bimba è stato arrestato il compagno della madre di Antonio e delle tre bambine che hanno raccontato al pm degli abusi sessuali subiti.

 

Il piccolo Antonio Giglio è morto il 27 aprile 2013 nel Parco Verde di Caivano

Giglio, secondo la ricostruzione fatta all’epoca della tragedia, cadde dalla finestra della camera da letto dell’abitazione della nonna materna. ​La versione della madre e​ della​ nonna ​è che Antonio era solo ​nella ​stanza​ quando si era affacciato alla finestra​ ​per guardare un elicottero​ e, sporgendosi troppo, era caduto. Secondo ​la sorella dell’uomo arrestato, invece, nella stanza con il bambino era presente anche la madre.

Giglio morì dopo essere stato trasportato all’ospedale pediatrico di Napoli “Santobono”. La caduta dalla finestra fu considerata un tragico incidente, ma le forti analogie con la morte di Fortuna hanno spinto gli avvocati difensori della famiglia ​Loffredo a chiedere la riesumazione del corpo del bimbo, sul quale non fu effettuata l’autopsia.